prover

Aforismi, Citazione e Frasi famose

Albert Camus scrittore filosofo albert camus

  • Una persona che conoscevo divideva gli esseri umani in tre categorie: quelli che preferiscono non avere niente da nascondere piuttosto che essere obbligati a mentire, quelli che preferiscono mentire che non aver niente da nascondere e gli ultimi quelli che amano sia mentire sia nascondere.
  • L'assurdo è un peccato senza Dio.
  • La lotta fine a se stessa basta a riempire il cuore dell'uomo. Uno deve immaginare Sisifo felice.
  • I martiri non costruiscono le chiese, bensì sono punti di riferimento oppure un alibi. Sono seguiti da preti e da bigotti.
  • Senza cultura e la relativa libertà che ne deriva, la società, anche se fosse perfetta, sarebbe una giungla. Ecco perché ogni autentica creazione è in realtà un regalo per il futuro.
  • Ad ogni angolo di strada il sentimento dell'assurdità potrebbe colpire un uomo in faccia.
  • Invece di uccidere e morire per diventare quello che non siamo, dovremo vivere e lasciare vivere per creare quello che realmente siamo.
  • Non saremo mai contenti finché continueremo a cercare in cosa consiste la felicità, così non potremo mai vivere la vita cercandone il significato.
  • Solo una filosofia dell'eternità, nel mondo di oggi, potrebbe giustificare una nonviolenza.
  • Un capo, una persona, significano un padrone e milioni di schiavi.
  • La passione reale del ventesimo secolo è la servitù.
  • La virtù non può separarsi dalla realtà senza diventare un principio di male.
  • Ogni atto di ribellione esprime nostalgia per l'innocenza e una richiesta all'essenza dell'essere.
  • Il marxismo non è scientifico: potrebbe avere, però, pregiudizi scientifici.
  • Quelli che scrivono con chiarezza hanno dei lettori, quelli che scrivono in modo ambiguo hanno dei commentatori.
  • Se il mondo fosse chiaro, l'arte non esisterebbe.
  • L'assurdo è la lucida ragione che constata i suoi limiti.
  • Quando si ha carattere bisogna darsi un metodo.
  • Troppe persone hanno deciso di rinunciare alla generosità in modo da mettere in pratica la carità.
  • Come rimedio alla vita di società suggerirei la grande città. Ai giorni nostri, è l'unico deserto alla portata dei nostri mezzi.
  • Il contrario di un popolo civilizzato è un popolo creatore.
  • Un impiegatuccio in un ufficio postale è pari a un conquistatore se la consapevolezza è comune ad entrambi.
  • Cultura: l'urlo degli uomini in faccia al loro destino.
  • Quanti delitti commessi semplicemente perché i loro autori non potevano sopportare di aver torto.
  • Quando saremo tutti colpevoli, sarà la democrazia.
  • Una certa continuità nella disperazione può generare la gioia.
  • Non v'è amore per la vita senza disperazione di vivere.
  • Non c'è destino che non si vinca con il disprezzo.
  • Per esistere solo una volta nel mondo, è necessario non esistere mai più.
  • Tu sai cos'è il fascino: l'arte di farsi dir di sì senza aver posto alcuna domanda esplicita.
  • Per essere felici non ci si deve occupare troppo del prossimo.
  • Non voglio essere un genio: ho già problemi a sufficienza cercando di essere solo un uomo.
  • Segno della giovinezza è forse una magnifica vocazione per le facili felicità.
  • Chiamo imbecille chi ha paura di godere.
  • L'intellettuale è uno la cui mente si osserva.
  • Persino su un banco d'accusato, è sempre interessante sentir parlare di sé.
  • Cos'è un ribelle? Un uomo che dice no.
  • Un romanzo non è mai altro che una filosofia tradotta in immagini.
  • La nostra sola giustificazione, se ne abbiamo una, è di parlare in nome di tutti coloro che non possono farlo.
  • La simpatia... un sentimento da presidente del consiglio: si ottiene a buon mercato dopo le catastrofi.
  • La speranza equivale alla rassegnazione. E vivere non è rassegnarsi.
  • Bisogna amarsi molto per suicidarsi.
  • L'uomo è l'unica creatura che rifiuti di essere quello che è.
  • Una sola frase basterà a descrivere l'uomo moderno: egli fornicava e leggeva i giornali.
  • Lo schiavo inizia col chiedere giustizia e finisce col volere portare una corona. A sua volta, deve dominare.
  • La politica e il fato dell'umanità vengono forgiati da uomini privi di ideali e grandezza. Gli uomini che hanno dentro di sé la grandezza non entrano in politica.
  • Il peccato della carne è il più abominevole di tutti; è un crimine talmente grave che, per commetterlo, ci vogliono due persone.