prover

Aforismi, Citazione e Frasi famose

Arthur Schopenhauer filosofo schopenhauer

  • Leggere è equivalente a pensare con la testa di qualcun altro, invece che con la propria.
  • Ogni separazione ci fa pregustare la morte; ogni riunione ci fa pregustare la risurrezione.
  • Gli amici si dicono sinceri, i nemici lo sono.
  • Gli uomini hanno bisogno di qualche attività esterna, perché sono inattivi dentro.
  • Non v'è dubbio che la vita non ci sia stata data perché ne godiamo, ma per vincerla - per superarla.
  • Solo il cambiamento è eterno, perpetuo, immortale.
  • La cortesia è per la natura umana quello che è il calore per la cera.
  • Quello che la gente chiama comunemente destino, è costituito per lo più dalle sue stupide gesta.
  • Il destino mescola le carte e noi giochiamo.
  • Desiderare l'immortalità è desiderare la perpetuazione in eterno di un grande errore.
  • L'intelligenza è invisibile per l'uomo che non ne possiede.
  • Per ogni libro degno di essere letto c'è una miriade di cartastraccia.
  • Nelle persone di modeste capacità la modestia è semplice onestà, mentre in quelli che possiedono un grande talento si tratta di ipocrisia.
  • Che cosa si può pretendere da un mondo in cui quasi tutti vivono soltanto perché non hanno il coraggio di suicidarsi!
  • Perdonare e dimenticare vuol dire gettare dalla finestra una preziosa esperienza già fatta.
  • L'affettare una qualità, il gloriarsene, è un confessare che non la si possiede.
  • Le religioni sono come le lucciole: per splendere hanno bisogno delle tenebre.
  • La ricchezza somiglia all'acqua di mare: quanto più se ne beve, tanto più si ha sete.
  • In ogni arte la semplicità è essenziale.
  • La solitudine è il destino di tutte le grandi menti: un destino a volte deplorato, ma sempre scelto come il minore di due mali.
  • La solitudine è fonte di felicità e di tranquillità dell'animo.
  • Ciò che rende socievoli gli uomini è la loro incapacità di sopportare la solitudine e, in questa, se stessi.
  • La storia è la continuazione della zoologia.