prover

I Proverbi Regionali

Proverbi CampaniRegione Campania

  • A 'a bella figliola nun manca 'nnammurato.
  • Alla bella ragazza non manca un fidanzato.
  • Â altare sgarrupato nun s'appicciano cannele .
  • Ad   altare   diroccato non si accendono candele .
  • 'A bella 'e ciglie, tutte 'a vonna e nisciuno s' 'a piglia .
  • Le belle ragazze sono corteggiate da tutti, ma nessuno le prende in moglie per paura che possano avere un passato con parecchie esperienze amorose o che possano averle in futuro .
  • 'A bella senza dote trova cchiù amante ca marite.
  • La bella senza dote trova piu' amanti che mariti.
  • 'A bizzoca è diavulo senza fuoco.
  • La bigotta è diavolo senza fuoco.
  • 'A bona campana se sente 'a luntano.
  • La buona   campana   si sente di lontano.
  • 'A bona mercanzia trova prièsto a ghì pe' n'auta via.
  • La merce buona trova presto a cambiare strada perché c'è sempre chi la desidera e la prende.
  • 'A briscola se joca cu' 'e denare.
  • A briscola si gioca con i soldi.
  • A buono cavallo nun le manca sella .
  • A un buon cavallo non manca sella. Un'occasione favorevole nessuno se la lascia sfuggire.
  • 'A buscia esce 'ncopp' 'o   naso .
  • La bugia esce in cima al naso.
  • 'A cajola pure 'ndurata è sempe nu carcere pe' l'auciello.
  • La gabbia, anche se dorata, è pur sempre un carcere per l'uccello.
  • A cane viecchio zullu zu.
  • Non accarezzare con inganno un cane vecchio. E' inutile cercare di raggirare con blandizie una persona esperta.
  • 'A capa 'e sotto, fa perdere 'a capa 'e coppa.
  • La testa di sotto fa perdere la testa di sopra
  • 'A carne 'a sotto e 'e maccarune 'ncoppa.
  • La carne sotto e la pasta sopra Dicesi in presenza di colui che fa le cose alla rovescia, o di cose che capitano in modo inconsueto, anticonvenzionale, in quanto il condimento(di solito di carne) si adagia sulla pasta e non viceversa.
  • A carocchia a carocchia, Pulecenella accerette 'a mugliera.
  • Con piccoli colpi continui si può provocare la morte di qualcuno.
  • 'A carta vicino 'o fuoco s'appiccia.
  • La carta vicino al fuoco si brucia.
  • Â casa d'e pezziente nun ce mancano tozze.
  • A casa del povero non mancano tozzi di pane.
  • Â casa d'o ferraro, 'o spiedo è 'e lignamme.
  • A casa del fabbro, lo spiedo è di legno.
  • A cavallo 'e razza nun serve 'o scurriato.
  • Per il purosangue non ci vuole la frusta.
  • Â Ccannelora viérne fóra e San Biase viérne p'e' ccase.
  • Alla Candelora l'inverno è fuori ma a San Biagio l'inverno entra in casa.
  • 'A cervella 'e ll'ommo è 'na sfoglia 'e cepolle.
  • La mente dell'uomo è fragile e sottile come la sfoglia di una cipolla
  • A chi nun tene figlie nun ghì né pe' denare né pe' cunsiglie.
  • A chi non ha figli non chiedere né prestiti né consigli.
  • A chi se fa pontone, 'o cane 'o piscia 'nguollo.
  • A chi si fa muro d'angolo, il cane gli fa pipì addosso.
  • A chi te dice 'e fatte 'ell'ate nun dicere 'e fatte tuoje.
  • Non dire i fatti tuoi a chi ti dice quelli degli altri.
  • 'A crianza è 'e chi 'a fà, no 'e chi 'a riceve.
  • La creanza è di chi la fa, non di chi la riceve.
  • 'A cunferenza è padrona da mala crianza.
  • Dare troppa confidenza, è il viatico della maleucazione.
  • 'A cuntentezza vene d' 'o core.
  • La felicità viene dal cuore.
  • A cuoppo cupo poco pepe cape.
  • In un piccolo coppo ci entra poco pepe.
  • ' A femmena comme nasce accussì pasce.
  • La donna come nasce così pasce.
  • ' A femmena è pesce: nun schifa 'o vuccone e subbeto si pesca.
  • La donna è pesce: non schifa il boccone e si pesca subito.
  • 'A femmena pe' ll'ommo addiventa pazza, ll'ommo p' 'a femmena addeventa fesso.
  • La donna per l'uomo impazzisce, l'uomo per la donna rimbecillisce.
  • ' A fortuna è comme l'anguilla: cchiù penzammo d' 'a putè agguantà e cchiù 'nce sciulìa.
  • La fortuna è come l'anguilla: quando credi di averla presa sfugge.
  • ' A gallina fa ll'ove, e a' 'o gallo l'abbruccia 'o culo.
  • La gallina fa l'uovo, ed al gallo brucia il deretano.
  • ' A gente è comme 'o culo: parlano sempre pe' derete!
  • La   gente   è come il culo: parlano sempre dal di dietro.
  • 'A guerra cerca 'a pace e 'a pace cerca 'a guerra.
  • La guerra cerca la pace e la pace cerca la guerra.
  • A iennere e nepute chello ca faie è tutto perduto.
  • Per i generi e i nipoti qualsiasi cosa tu faccia è perduto.
  • 'A jatta p' 'o troppo bene se magnaie 'e figlie.
  • La gatta, i suoi figli, tanto e tanto li amava che se li mangiò .
  • 'A jatta, pe' ghì 'e pressa, facette 'e figlie cecate.
  • A causa della fretta, la gatta partori' dei cuccioli ciechi
  • A lavà 'a capa 'o ciuccio se perde acqua e sapone.
  • A lavar la testa dell'asino si perde acqua e sapone. A cercare di far cambiar opinione un ignorante, si perdono tempo e energie.
  • A lietto stritto cùcchete 'mmiezo.
  • A letto stretto sistemati al centro.
  • 'A lucerna senz' uoglie se stuta.
  • La lucerna senz' olio   si spegne. Bisogna sempre alimentare i sentimenti.
  • 'A lusinga fa 'bbene â salute.
  • La lusinga fa bene alla salute. La "(auto)gratificazione" può aiutare a stare bene in salute.
  • A magnà fatic' a stient', a cacà nun ce vò nient'.
  • Per mangiare fatichi molto, per andare in bagno non ci vuole niente.
  • 'A meglia vita è a toja ca si fesso e nun capisce niente.
  • La vita migliore è la tua, che sei un fesso e non capisci nulla.
  • 'A merla cecata 'a notte fa 'o nido.
  • La merla cieca la notte fa il nido.
  • A murì e a pavà nce sta sempe tiempo.
  • A morire e a pagare c'è sempre tempo.
  • A 'o cafone 'a zappa 'mmano.
  • Al cafone la zappa in   mano .
  • Â primma trasuta guardateve 'e sacche.
  • Alla prima entrata guardatevi le tasche.
  • A Santa Chiara dopp'arrubbato mettèttero 'e porte 'e fierro.
  • Solo dopo un grosso furto la basilica napoletana di Santa Chiara venne munita di un portale di ferro.
  • 'A scopa nova dura tre ghiuorne.
  • La scopa nuova dura tre giorni.
  • ' A suocera è comm' 'o pesce: doppo tre ghiuorne fete.
  • La suocera è come il pesce: dopo tre giorni puzza.   [4]
  • 'A superbia va a ccavallo e torna a pere.
  • La superbia va a cavallo e torna a piedi.
  • ' A vecchie 'e cient' anne ricette: "M'aggia 'mparà ancora!"
  • L'anziana a cent'anni disse: "Ho ancora da imparare"
  • ' A vecchie 'o trenta 'e maggio mettette 'o trapenatur' 'a 'o fuoco.
  • La vecchia il trenta di maggio fu costretta, per riscaldarsi, a far il fuoco bruciando l'aspo.
  • 'A verità è figlia d' 'o tiempo.
  • La verità è figlia del tempo.
  • 'A vita è comme 'a scala do vallenaro: è corta e chiena 'e merda.
  • La vita è come la scala del pollaio: è breve e piena di merda.
  • 'A vita è tosta e nisciuno t'aiuta, e si 'na vota quaccuno t'aiuta è pe' te dicere "t'aggio aiutato".
  • La vita è dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta è per dirti "ti ho aiutato".
  • A voce de campane.
  • Quando suonano le campane quello che si dice 'e vero.
  • Abbòffete, dicette 'o puorco, ca 'o pantano è chino!
  • Con la lena, l'assiduità e l'intelligenza bisogna saper emergere e distinguersi nel proprio ambiente di lavoro. Può anche significare che, nei momenti di caos o di disordine, ciascuno deve approfittare al massimo per fare i propri interessi.
  • Accìde cchiù 'a lengua ca 'a spata .
  • Uccide più una maldicenza che non un'arma .
  • Accussì comme vaje tu sì tenuto.
  • Come ti presenti, così sei considerato.
  • Accussì va 'o munno, chi nata e chi va 'nfunno.
  • Così va il mondo, chi nuota e chi affonda.
  • Acqua cheta fà pantano e feta.
  • L'acqua ristagnante forma pantano e puzza'.' Sottovalutare le persone quieti, non è saggio.
  • Acqua santa e terra santa sempe lota fanno.
  • Mescolando acqua santa con terra santa si ottiene comunque fango.
  • Acquaio' l'acqua è fresca? Manc' 'a neve!
  • Acquaiolo, è fresca l'acqua? Più della neve!
  • Addò c'è piacere nun c'è perdenza.
  • Dove c'è gusto non si perde mai.
  • Addò magnano doje, ponno magnà pure tre.
  • Dove mangiano due possono mangiare anche tre.
  • Addò nun sì chiammato nun 'nce jì.
  • Non andare dove non sei invitato.
  • Aggio piantato vruoccole e so' asciute caulusciure.
  • Ho piantato broccoli e sono usciti cavolfiori.
  • Amice e vino hanna essere viecchie.
  • Amici e vino devono essere vecchi.
  • Ammore 'e mamma nun te 'nganna.
  • L'amore di tua madre non può ingannarti.
  • Ammore 'e patrone e vino 'e fiasco 'a sera so' buono e 'a matina so' guasto.
  • L'amore del padrone e il vino del fiasco la sera è buono e la mattina è guasto.
  • Arbere e figlie se raddrizzano solo quando so' piccerille.
  • Alberi e figli si raddrizzano solo quando sono piccoli.
  • Arremedia mò, ca pò Dio 'nce penza appriesso.
  • Aiutati che Dio t'aiuta.
  • Auste è capo 'e vierne.
  • Ad Agosto inizia l'inverno.
  • Biato chi 'a tene, cacarella senza freva.
  • Felice è colui che ha diarrea senza febbre.
  • Biato chi 'a tiene un libbro, cagasi potrassi nu' cesso.
  • Felice è colui che possiede una lettura, perché può defecare mentre è al gabinetto con tranquillità estrema.
  • Buono sì ma fesso no.
  • Essere buoni va bene ma stupidi no.
  • Bella vita fosse; ma si durasse!
  • Càgnano 'e musicanti, ma 'a museca nun cagna mai.
  • Cambiano i musicisti ma la musica non cambia mai.
  • Campa e fà campà.
  • Vivi e lascia vivere.
  • Cane 'e chianchiere trova sempe 'n'uosso.
  • Il cane del macellaio trova sempre un osso.
  • Carne giovane e pesce viecchio.
  • Carne giovane e pesce vecchio.
  • Carne trista nun ne vo' Cristo.
  • Cristo non vuole carne triste.
  • Carruzzella 'e ritorno nun porta passiggiere.
  • Carrozzella di ritorno non porta passeggeri.
  • Casa senza femmena, varca senza timone.
  • Casa senza donna, barca senza timone.
  • Cauro 'e lietto nun coce fasule.
  • Il calore del letto non cuoce i fagioli.
  • Chello ca nun se fa nun se sape.
  • Ciò che non si fa non si viene a sapere.
  • Chello ca nun vuò 'a l'uorto, chello te nasce.
  • Proprio quello che meno desideri, germoglia e cresce nel tuo orto.
  • Chello ca pe' te nun vuò, pe' ll'ate nun sia.
  • Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te.
  • Chi 'a fà s' 'a scorda, chi ll'ave s' 'arricorda.
  • Chi la fa la dimentica, chi la riceve la ricorda.
  • Chi addimanna nun fa errore.
  • Chi chiede non fa errore.
  • Chi 'e femmene vo' bene si è nu locco, va 'nfummo peggio d' 'o tabacco.
  • Chi ama le donne ed è uno sciocco, va in fumo più del tabacco.
  • Chi aute nun have cu' 'a mugliera se cocca.
  • Chi non ha nessun altro va a letto con sua moglie.
  • Chi bell' vo paré mal' hadda paté.
  • Chi bello vuole apparire male deve patire.
  • Chi cammina chiano fa la bona jornata.
  • Chi cammina piano trascorrerà una buona giornata.
  • Chi chiagne fott' a chi rire.
  • Chi si lamenta delle proprie condizioni ottiene di più di chi è contento.
  • Chi chiea 'a sarvietta a tavula è segno ca llà nun ce vò magnà cchiù.
  • Chi piega il tovagliolo a tavola è segno che là non ci vuole più mangiare.
  • Chi cumanna nun suda.
  • Chi comanda non suda.
  • Chi da 'nfaccia pe' primma da 'nfaccia doje vote.
  • Chi colpisce in faccia per primo colpisce due volte.
  • Chi dorme c' 'o cane nun s'aiza senza pullece.
  • Chi dorme col cane non si sveglia senza pulci.
  • Chi dorme nun pecca, ma nemmeno piglia pisce.
  • Chi dorme non pecca, ma non prende neanche pesci.
  • Chi è cchiù bell'e te se trucca!
  • Se esiste qualcuno più bello di te, è perché si trucca.
  • Chi è troppo saputo addeventa scassacazzo e fesso.
  • Chi è troppo saputone diventa rompiballe e fesso.
  • Chi fa' 'a légge 'a struije.
  • La legge viene disattesa da chi l'ha fatta.
  • Chi fà 'a legge l'adda rispettà.
  • Chi fa la legge deve rispettarla.
  • Chi fraveca e sfraveca nun perde mai tiempo.
  • Chi fa e disfà non perde tempo.
  • Chi guverna 'o cavallo sujo nunn'è chiammato muzzo 'e stalla.
  • Chi governa il proprio cavallo non è considerato un mozzo di stalla.
  • Chi ha fatto 'o peccato pava penitenza.
  • Chi ha peccato paga la penitenza.
  • Chi magna sulo s'affoga.
  • Chi mangia da solo si strozza.
  • Chi nasce è bello, chi se 'nzora e' bbuono, chi more e' santo.
  • Chi nasce e' bello, chi si sposa e' buono, chi muore e' santo.
  • Chi nasce quatro nun more tunno.
  • Chi nasce quadrato non muore cerchio.
  • Chi nasce puveriello e sfurtunato 'nce chiovono 'e cazze 'nculo pure si sta assettato.
  • Chi nasce   sfortunato   se lo prende in quel posto anche se sta seduto.
  • Chi nu' 'ncasa nu' trase.
  • Chi non spinge non entra.
  • Chi nun sta a sentí 'a mamma e 'o pate va a mmurì addó nunn'é nato.
  • Chi non ascolta la madre e il padre va' a morire dove non è nato. Chi non ascolta i consigli dei propri genitori fa una brutta fine.
  • Chi nun tene figlie chiagne nepute.
  • Chi non ha figli diventa succube dei nipoti.
  • Chi nunn' accatta e nun venne nun saglie e nun scenne.
  • Chi non compra e non vende non sale e non scende. Chi non risica non rosica.
  • Chi pecora se fa' 'o lupo s' 'a magna.
  • Chi si fa pecora, il lupo lo mangia.
  • Chi perde ave sempre tuorto.
  • Chi perde ha sempre torto.
  • Chi pesce vole rodere, 'a coda se vo' 'nfonnere.
  • Chi vuole mangiare pesce, deve bagnarsi.
  • Chi primma nun pensa, aroppa suspira.
  • Chi prima non pensa dopo sospira
  • Chi s'associa 'a 'nu partito 'ncap' all'anno è gghiut'acito.
  • Chi si associa ad un partito entro un anno diventa come l'aceto.
  • Chi se fa' e cazze suoje campa cient'anne.
  • Chi si fa gli affari propri vive cento anni
  • Chi se mette appaura, se cocca cu 'e ffemmene brutte.
  • Chi ha paura non va a letto con le belle donne.
  • Chi se mette pe' mare hadda sape' primma natà.
  • Chi si mette per mare deve saper prima nuotare.
  • Chi serve 'ncorte a 'o pagliaro more.
  • Chi serve a corte nel pagliaio muore. Chi serve un padrone muore povero.
  • Chi sparagna 'a mazza nun vô bene ê figlie.
  • Chi non bastona i figli, non li ama.
  • Chi sparte e sape spartere ave semp'a meglia parte.
  • Chi sa amministrare si prende la parte migliore.
  • Chi sta vicino 'o sole nun sente friddo.
  • Chi sta vicino al sole non sente il freddo.
  • Chi te sput' 'nfaccia è pecche' nun te vò maje vede' cu 'e ppacc'asciutte.
  • Chi ti sputa in faccia è perché non vuol mai vederti con il didietro asciutto.
  • Chi tene 'a lengua va' in Sardegna.
  • Chi sa parlare va in Sardegna.
  • Chi tene mala capa, tene bbon'e cosce.
  • Chi ha poca memoria ha buone gambe. Colui che può prtmettersi qualche distrazione, vuol dire gode di buona salute.
  • Chi tene 'nu puorco sulo 'o cresce chiatto, chi tene 'nu figlio sulo 'o cresce fesso.
  • Chi ha un solo maiale lo farà crescere grasso, chi ha un solo figlio lo farà crescere da imbecille.
  • Chi troppo vole niente stregne.
  • Chi vuole troppo nn si trova niente
  • Chi va a cacà e nun caca bene... tre vote và e tre vote vene!
  • Chi si reca a defecare, e non lo fa bene, tre volte va e tre volte viene!
  • Chi va pe' chisti mare chisti pisce piglia.
  • Chi va per questi mari, questi pesci prende.
  • Chi vo 'o male 'e ll'ate 'o sujo sta areta 'a porta.
  • Chi desidera il male degli altri il suo sta dietro alla porta.
  • Chi vò, va; chi nun vò, manna.
  • Chi vuole, va; chi non vuole, manda.
  • Chiacchiere e tabacchere 'e lignamme 'o Bbanco 'e Napule nun 'e 'mpegna.
  • Chiacchiere e tabacchiere di legno il Banco di Napoli non le impegna.
  • Chillo studia, ma resta 'gnurante, nunustante 'o blasone nun riconosce 'a 'nu ratto 'n alifante, n'auliva de   Gaeta   'a nu coglione.
  • Quello studia, ma resta ignorante, nonostante la nobiltà non riconsce un topo da un elefante, un'uliva di Gaeta da un testicolo.
  • Cu 'nu sì te 'mpicce, cu 'nu no te spicce.
  • Con un sì ti impicci, con un no te la sbrighi.
  • Comme dicett' 'o pappice vicin' 'a noce? Damme tiempo ca te spertoso.
  • Come disse il verme alla noce? Dammi tempo che ti perforo.
  • Comme se dice, 'e ssard' se magneno all'alice, chi ten' 'e sorde campa felice, chi nun 'e ttene va 'ncul' all'amice.
  • Come si dice, le sarde mangiano le alici, chi e' ricco vive felice, chi non lo e' viene mantenuto dagli amici.
  • Comme si' bbona, comme si' bella, e 'a spigola s'ammuccaje 'a sardella.
  • Come sei buona, come sei bella, e la spigola inghiottì la sardina.
  • Core cuntento Dio l'aiuta.
  • Cuor contento Dio l'aiuta.
  • Corne 'e sore corne d'oro, corne 'e mugliera corne overe.
  • Le corne fatte da una sorella sono d'oro (portano vantaggi) ma quelle fatte da una moglie sono corna vere.
  • Cu ll'èvera moscia, s'annéttano 'o culo.
  • Con l'erba morbida, ci si pulisce il deretano.
  • Cu tanta galle a cantà, nun schiara maje juorno.
  • Con tanti galli che cantano, non fa mai giorno.
  • Cunziglio 'e vorpe, rammaggio 'e galline.
  • Riunione di volpi, danno per le galline
  • Da amici e parient', nun accattà e nun vennere nient'.
  • Da amici e parenti, non comprare e non vendere nulla.
  • Da 'nu malo pavatore piglia chello ca può.
  • Da un cattivo pagatore strappa quello che puoi.
  • Dicette 'a vipera o' voie: me può scamazza' ma sempe curnuto si'.
  • Disse la   vipera   al   bue : mi puoi schiacciare, ma sempre cornuto sei.
  • Dicette Dio 'nfaccia a Dio: Lassame fa' a Dio.
  • Disse Dio   [Cristo in croce]   a Dio   [suo Padre] : lasciamo fare a Dio.
  • Dicette 'Mmaculata: ponno chiù l'uocchie ca 'e schiuppettate!
  • Disse Immacolata: può più il malocchio che lo schioppo!
  • Dicette 'o cafone: 'na vota me fai fesso.
  • Disse il cafone al cafone: una volta mi fai fesso. Sbagliando si impara.
  • Dicette 'o ciceniello: pur'io so' pesce.
  • Disse il bianchetto: pure io sono pesce.
  • Dicette 'o pappece vicin' 'a noce: damme 'o tiemp' ca te spertoso.
  • Disse il tarlo alla noce: dammi tempo che ti buco.
  • Dicette 'o pezzente: pure a fa' 'a puttana nce vo' furtuna!
  • Disse un mendicante: anche per far la prostituta ci vuol fortuna!
  • Dicette 'o prevete d' 'a costa, quanno nunn'è arta vostra, iate a dompere 'e scatole a casa vostra.
  • Disse il prete della costa, quando non è arte vostra, andate a rompere le scatole a casa vostra. Disse il prete della costa, se non è di vostra competenza è meglio tacere!
  • Dicette 'o prevete: fa' chello ca dico io ma nun fa' chello ca facc'io.
  • Disse il prete fa quello che ti dico ma non fare quello che faccio io.
  • Dicette 'o puorco vicin'all'asino: "mantenimmece pulite."
  • Disse il maiale all'asino: "Manteniamoci puliti.
  • Dicette 'o rancio: chi nasce stuorto nun pò cammenà deritto.
  • Disse il granchio: chi nasce storto non può camminare diritto.
  • Dicette Pulecenella: Mangiammo e bevimmo ca chi sape si all'auto munno 'nce vedimme.
  • Disse Pulcinella: Mangiammo e beviamo che chi sa se all'altro mondo ci vediamo.
  • Dicette Pulecenella: Mangiammo e bevimmo finché c'è uoglio a 'sta lucerna, chi sa' si all'auto munno c'è lanterna, chi sa' si all'auto munno c'è taverna.
  • Disse Pulcinella: Mangiamo e beviamo finché c'è l'olio nella lanterna, chissà se all'altro mondo c'è una lanterna, chissà se all'altro mondo c'è una taverna.
  • Dio ne libbera 'e signalate meje.
  • Dio ci scansi dai segnati.   [persone con difetti fisici]
  • Dio te guarde da 'e povere arreccute.
  • Dio ti guardi dai poveri arricchiti.
  • Dio te guarde da 'e ricche 'mpezzentute.
  • Dio ti guardi dai ricchi impoveriti.
  • Dopp' 'a 'strazione ogni fesso è prufessore.
  • Dopo l'estrazione   [del lotto]   ognuno diventa professore.
  • Dopp' 'e cchiacchiere venene 'e fatte.
  • Dopo le chiacchiere vengono i fatti.
  • Doppo tanto malu tiempo, hadda venì 'o bontiempo!
  • Dopo tanto maltempo, deve venire il bel tempo.
  • È bbona 'a figlia... ma verisse 'a mamma!.
  • La figlia è bella... ma vedessi la mamma!.
  • 'E cchiù fesse songo sempe 'e primme a parlà.
  • I primi a parlare sono sempre i più fessi.
  • 'E cchiacchiere nun iencheno 'a panza.
  • Le chiacchiere non riempiono la pancia
  • 'E ciucce s'appiccicano e 'e varrile se scassano.
  • Mentre i somari litigano, i barili trasportati si rompono.
  • 'E ditte antiche nun fallìsceno maje.
  • I detti antichi non falliscono mai.
  • 'E ffemmene nun se portano 'o cavall' dint' 'o lietto pecché scassa 'e lenzola.
  • Le donne non si portano a letto un cavallo soltanto perché può rompere le lenzuola.
  • 'E ffemmene nun se sanno tené tre cicere 'mmocca.
  • Le   donne   non sanno tenere tre ceci in bocca. Le donne non sanno tacere.
  • È meglio 'a 'mviria c' 'a pietà.
  • Meglio l' invidia   che la   pietà .
  • È meglio essere capa 'e ceceniello ca coda 'e cefalo.
  • Meglio essere testa di bianchetto che coda di cefalo.
  • È meglio 'na bona pezza ca 'nu brutto pertuso.
  • Meglio una buona toppa che un brutto buco.
  • ' E meglie pariente stanno â zecca.
  • I migliori parenti stanno alla zecca (sono i soldi).
  • ' E pariente d' 'a gunnella traseno tanto bello.
  • I parenti della moglie, gli affini, ti piombano in casa senza sosta.
  • ' E páriente so' comm'e stívale, cchiù songo stritte e cchiù fanne malo.
  • I parenti sono come gli stivali: più sono stretti e più ti fanno male.
  • 'E ricche comme vonno, 'e pezziente comme ponno.
  • Ai ricchi quello che vogliono, ai poveri quello che possono.
  • E va bbene! dicette donna Lena, quando vedette 'a figlia prena.
  • E va bene! disse, rassegnata, la signora Lena, quando si accorse che la figlia era incinta.
  • E va bbene! dicette donna Lena, quando truvaje 'a mamma, 'a gatta e 'a figlia prena.
  • E va bene! disse, rassegnata, la signora Lena, quando si accorse che la mamma, la gatta e la figlia erano incinte.
  • ' E viécchie lle próre 'o cupiérchio.
  • Ai vecchi prude il sedere. Con la   vecchiaia   non si spengono le voglie.
  • 'E vierme d' 'e ccerase portano 'e vierme all'aulive.
  • I vermi delle ciliegie portano i vermi alle olive.
  • 'E zoccole nun so' sule chelle ca s'aìzeno 'a gonna.
  • Le zoccole non sono solo quelle che si alzano la gonna.
  • Fà bbene e scuordate; fà male e piensece.
  • Fai   bene   e scordalo; fai   male   e pensaci.
  • Fà bbene e scuordate; fà male e pientete.
  • Fai bene e scordalo; fai male e pentiti.
  • Fa primma 'a femmena a truvà 'a scusa ca 'o sorece 'o purtuse.
  • Fa prima la donna a trovare una scusa che il topo un rifugio.
  • Fa 'o scemo pe' nu' gghì 'a guerra
  • Simula di essere sciocco per non andare in guerra. Fa il finto tonto quando vuole lui, per non comprendere alcune cose.
  • Faccia tosta campaje, faccia moscia murette.
  • Chi ha la faccia tosta riesce a sopravvivere, chi non ce l'ha, muore di fame.
  • Fatt' accattà 'a chi nun t'sape.
  • Fatti comprare da chi non ti conosce. Puoi ingannare chi non ti conosce bene.
  • Fatte capitano e magni pullasti.
  • Diventa capitano e mangi pollo genuino. In ogni attività che svolgi, anche la più umile, se diventi un capo, avrai maggiori vantaggi.
  • Fatte 'a bona nummenata e va scassann 'e porte !
  • Fatti una buona nomea, che poi potrai anche fare lo scassinatore.
  • Fatte l'amice 'ntiempo 'e pace ca te servono 'ntiempo 'e guerra
  • Fatti gli amici in tempi di tranquillità perché ti possono servire nei momenti difficili .
  • Fattella cu chi è meglio 'e te e pavece 'e spese.
  • Frequenta chi è migliore di te e pagane le spese.
  • Femmena aggraziata vole essere pregata.
  • Donna graziosa, vuole essere pregata.
  • Femmene, ciucce e crape... tenen tutt' 'a stessa capa.
  • Femmine, asini e capre... hanno tutti la stessa testa.
  • Fidate d'o signore 'mpuveruto ma nun te fidà d'o pezzente sagliuto.
  • Fidati del signore impoverito ma non fidarti del povero arricchito.
  • Figlia 'e gatta, si nun mozzeca scippa.
  • La figlia di una gatta se non morde graffia.
  • Figlie piccerille guaie piccerille, figlie gruosse guaie gruosse.
  • Figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi.
  • Gente allera Dio l'aiuta.
  • Dio aiuta le persone   allegre .
  • Gesù Cristo è lungariello, ma nunn'è scurdariello.
  • Gesù Cristo la tira per le lunghe ma non dimentica.
  • Giacchino mettette 'a legge e Giacchino murette acciso.
  • Gioacchino fece la legge e Gioacchino fu fucilato.
  • Già è bello 'o petrusino, po' va 'a jatta e 'nce pisce 'a coppa.
  • Già è maturo il prezzemolo, poi la gatta viene e ci urina sopra.
  • Giorgio se ne vò jì, e 'o vescovo 'o vò mannà.
  • Giorgio vuole andarsene ed il vescovo vuole mandarlo via.
  • Guaje fatto, remmedio aspetta.
  • A guaio avveuto, non resta che porre rimedio (senza rammarico, tipico della filosofia partenopea)
  • Guaje quanta a ll'arena, 'a morta maje.
  • Tanti   guai   quanto la sabbia, ma morte mai.
  • Hê fatte trenta e mo' faje pure trentuno.
  • Dopo aver fatto trenta adesso farai anche trentuno.
  • Hê voglia 'e mettere rum, chi nasce strunzo nun po' addiventà babbà.
  • Puoi mettere quanto rum vuoi ma un'altra cosa non potra mai diventare un babà.
  • I' vac' a naso dicette ll'elefante nun me pozzo sbaglià!
  • Io seguo il naso disse l'elefante non posso sbagliare!
  • Jénnere e nepute, song' comm' 'e càvule jurute... chell' ca fàje è tutt' perduto.
  • Generi e nipoti, sono come i cavoli fioriti, quello che fai è tutto perduto.
  • L'acqua cheta fa pantano e fete.
  • L'acqua ferma ristagna e puzza.
  • L'acqua fa male e 'o vino fa cantà.
  • L'acqua fa male e il vino fa cantare.
  • L'acqua 'nfràceca 'e bastimiente a mare.
  • L'acqua fa marcire i bastimenti a mare.
  • L'albero s'adderezza quanno è piccerillo.
  • L'albero si raddrizza quando è piccolo.
  • L'amice nun so' maje supiérchie.
  • Gli amici non sono mai troppi.
  • L'ammore fa passà 'o tiempo e 'o tiempo fa passà l'ammore.
  • L'amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l'amore.
  • L'auciello 'nta cajola, si nu' ccanta p'a rraggia canta p'ammore.
  • L'uccello in gabbia canta per rabbia o per amore.
  • L'avaro è comme 'o puorco, buono sulo doppo muorto.
  • L'avaro è come il porco, buono solo dopo morto.
  • L'ommo affortunato sta sempe 'ntimore d' 'a collera d' 'o Signore.
  • L'uomo fortunato teme sempre la collera del Signore.
  • L'ommo valente doppo mangiato friddo sente.
  • L'uomo che vale dopo mangiato ha sempre freddo.
  • Lo pane ianco è pasto da signuri.
  • Il pane bianco è cibo per signori.
  • Lo rammo tal è qual è la chianta.
  • Il ramo è come la pianta.
  • Lo tentare non noce: senza l'amaro non se prova doce.
  • Il tentare non nuoce: senza l'amaro non si prova il dolce.
  • Luna cuccata, marenaro allerta; luna allerta, marenaro cuccato.
  • Luna coricata, marinaio all'erta; la luna diritta, marinaio coricato.
  • Mamma e giuventù s'apprezzano quanno nun se teneno cchiù.
  • La mamma e la gioventù si apprezzano quando non ci sono più.
  • Marito geluso more curnuto.
  • Il marito geloso muore cornuto.
  • Mazza e panella fanno 'e figlie belle, panella senza mazza fanno 'e figlie pazze.
  • Bastone e   pane   fanno i figli belli, pane senza bastone fanno i figli   pazzi .
  • Meglio 'e doglie da vorsa, ca tromiento 'e core.
  • Meglio provare dolore di borsa, che tormento di cuore.
  • Meglio essere 'o l'urdemo d'e cavalle che 'o primm d'e ciucce.
  • Meglio essere l'ultimo tra i   cavalli   che il primo tra gli   asini .
  • Meglio mangià poco e spisso, ca fà tutto 'nu muorzo.
  • Meglio mangiare poco e spesso che far tutto un boccone.
  • Meglio 'nu malo accordo ca 'na causa vinciuta.
  • Meglio un cattivo accordo che una causa vinta.
  • Meglio 'nu malu vicino ca 'nu principiante 'e viulino.
  • E' meglio un cattivo vicino che un musicista principiante.
  • Meglio strujere scarpe ca lenzola.
  • Meglio consumare scarpe che lenzuola.
  • Mimì, Cocò e Carmine 'o pazzo stevano 'e casa 'int' 'o stesso palazzo.
  • Tre persone che stanno sempre insieme ne combinano di tutti i colori.
  • Mmiez' a 'e bburrasche se conosce 'o pilota.
  • Nelle burrasche si riconosce la qualità del pilota.
  • Monache 'e casa: 'o diavulo esce e trase!
  • Monache di casa (non di convento): il diavolo va e viene!
  • Morta 'a criatura, nun simmo cchiù compare.
  • Ora che è morto il bambino cui tu avevi fatto da padrino, la nostra parentela spirituale è finita.
  • Muorto Mastu Francisco, nun se ferren' cchiù cavalli.
  • Morto masto Francesco, non si ferrano più cavalli.
  • 'N tiempo 'e tempesta ogni pertuso è puorto.
  • In tempo di necessità ogni anfratto è un porto.
  • 'Na femmena e 'na papera arrevutaieno Napule.
  • Una donna ed un' oca   rivoltarono la città.
  • 'Na mugliera 'mpicciosa è peggio 'e 'nu diebbeto.
  • Una moglie scocciante è peggio di un   debito .
  • 'Na noce dinto 'o sacco nun fa rummore.
  • Una   noce   nel sacco non fa rumore.
  • 'Na tavula senza vino è comme 'na jurnata senza sole.
  • Una tavola senza vino è come una giornata senza sole.
  • 'Na vota passa Cristo 'nnanz' â casa.
  • Una sola volta Cristo passa davanti casa. Cogli l'occasione quando capita.
  • Natale cu 'e tuoje e Pasqua cu' chi vuoje.
  • Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi. Si nasce in casa propria e si muore dove capita.
  • Nce stanno uòmmene, uommenicchie, uommenone e quaquaraquà.
  • Ci sono uomini, ometti, omoni e nullità.
  • Né femmena né tela a lumme 'e cannela.
  • Né femmina né tela alla luce di candela. Le qualità vanno viste alla luce del giorno.
  • 'Nu buonu marito fa 'na bbona mugliera.
  • Un buon marito fa diventare buona la moglie.
  • 'Nu pate campa a ciente figlie ma ciente figlie nun campano 'nu pate.
  • Un padre mantiene cento figli ma cento figli non mantengono un padre.
  • 'Nu pate è buono pe ciente figlie, ciente figlie nun sò buone pe' 'nu pate.
  • Un padre va bene per cento figli, cento figli non van bene per un padre.
  • 'Nu scoglio ca nun fa patelle.
  • Uno scoglio che non produce patelle. Dicesi di una persona avarissima.
  • Nun sputà 'ncielo ca 'nfaccia te torna.
  • Non sputare in cielo che ti ritorna in faccia. Non essere ingrato.
  • Nun c'è cchiù meglio misso ca te stesso.
  • Non c'è miglior messaggero di sé stessi.
  • Nun c'è miseria senza vizio.
  • Non c'è miseria senza vizio.
  • Nun c'è pezzentaria senza difetto.
  • Non c'è miseria senza difetti.
  • Nunn'è povero chi arrepezza, è povero chi nun tene 'a pezza.
  • Non è povero chi rattoppa, ma chi non ha la toppa.
  • Nun fanno bbona lega lazze d'ammore e 'ccegne de vrachiero.
  • Non legano bene scherzi d'amore e cenere di braciere.
  • Nun mgnà pe' nun cacà
  • Non mangiare per evitare di 'scaricarsi' (si dice di persona pigra o avara).
  • Nun può vevere e siscà.
  • Non puoi bere e contemporaneamente fischiare.
  • Niscune te dice: Lavate 'a faccia ca pare cchiù bell'e me.
  • Nessuno ti dice. Lavati il viso che sembri più bello di me. Nessuno dà consigli disinteressati.
  • 'O barbiere te fa bello, 'o vino te fa guappo e 'a femmena te fa fesso.
  • Il barbiere ti fa bello, il vino ti fa temerario e la donna ti fa fesso.
  • 'O bbene tanto se canosce, quanno se perde.
  • Le cose buone si apprezzano quando vengono a mancare.
  • 'O bbene vallo a truvà ca p' 'o male basta aspettà.
  • Il bene vallo a cercare, per il male basta attendere.
  • 'O cane mozzeca sempe 'o stracciato.
  • Il   cane   morde sempre lo straccione. Piove sempre sul bagnato.
  • 'O ccade' fa 'mpara' a sòsere.
  • Il cadere insegna ad alzarsi.
  • 'O ccumannà è meglio d' 'o fottere.
  • Comandare è meglio che copulare.
  • 'O diavulo quanno è viecchio se fa monaco cappuccino.
  • Quando il   diavolo   si fa vecchio diventa monaco cappuccino.
  • 'O guaio è 'e chi 'o tene.
  • Il guaio è di chi lo subisce.
  • 'O mariuolo se sente sempe arrubbato.
  • Il ladro si sente sempre derubato.
  • 'O munno è fatt 'e preta, chi nun parla crepa.
  • Il mondo è fatto di pietra, chi non parla muore.
  • 'O napulitane se fa sicco, ma nun more.
  • Il napoletano deperisce, ma non muore.
  • 'O pesce fete d' 'a capa.
  • Il pesce puzza dalla testa.
  • 'O pesce vo' tre effe: frisco, fritto e fute.
  • Il pesce vuole tre effe: fresco, fritto e denso.
  • 'O peggio surdo è chillo ca nun vo' senti'.
  • Il peggiore sordo è quello che non vuole sentire.
  • 'O pile 'e fessa tira e cchiu' d'o filo 'e acciaro.
  • Il pelo della vulva tira più del filo d'acciaio .
  • 'O ppane d' 'a franchezza è senza sale.
  • Il   pane   della   franchezza   è senza   sale .
  • 'O ppane vene dato a chi nun tene 'e diente.
  • Il   pane   viene dato a chi non ha i denti.'
  • 'O pparlà chiaro è fatto pe' l'amice.
  • Il parlare chiaro è fatto per gli amici.
  • 'O primme ca s'aiza cummanna.
  • Chi si sveglia per primo comanda.
  • 'O prugresso pe' l'ostreca è rummanè dint' 'e cunfine.
  • Il progresso per l'ostrica consiste nel restare nei suoi confini.
  • 'O puorco, dinte 'o ppulito, s'appucundrisce.
  • Il   maiale , in ambiente   pulito , si intristisce.
  • 'O purpo se coce dinto all'acqua soja.
  • Il polpo si cuoce nella sua stessa acqua.
  • 'O sango se mazzeca ma nun se sputa.
  • Il sangue si mastica ma non si sputa. È difficile rinnegare i propri parenti.
  • 'O   sazio   nun crede a' 'o diuno.
  • Il sazio non crede al   digiuno .
  • 'O sparagno nunn'è maje guadagno.
  • Il risparmio non è mai guadagno.
  • 'O surdato d'a ponessa è partuto strunzo e è turnato fesso.
  • Il servizio militare non sempre rende maturi.
  • 'O turco fatto cristiano vò 'mpalà a tutte chille ca jastemmano.
  • Il turco fatto cristiano vuole impalare tutti quelli che bestemmiano.
  • 'O vino fa 'o sango, 'a carne fa 'a carne e 'a fatica fa jettà 'o sange.
  • Il vino fa il sangue, la carne fa la carne e il lavoro fa sudare.
  • 'O voje p' 'e ccorne e l'omme p' 'a parola.
  • Il bue   [si giudica]   dalle corna e l'uomo dalla parola.
  • Ogge 'a democrazia è comme 'a puttana: tutte ne parlano e tutte s'a fottene!
  • Oggi la democrazia è simile a una prostituta. Tutti ne parlano e tutti se ne servono!
  • Ogge ca pure 'o mare è 'nquinato, Napule ha perzo n'ata qualità; 'o mare feta, s'è fatto n'ato e manc' a mare te può jì a ghittà!
  • Oggi che anche il mare è inquinato, Napoli ha perso un'altra qualità; il mare puzza è diventato un altro e non ti puoi gettare più neanche a mare!
  • Ogge ogne fetente appartene â bbona gente.
  • Oggi ogni fetente fa parte della gente-bene.
  • Ogne capa è 'nu tribunale.
  • Ogn'uno giudica col suo metro.
  • Ogne ghiuorno ca passa se 'mpara n'arte, senza cuntà 'e fesserie.
  • Ogni giorno che passa si impara qualcosa, senza contare le sciocchezze.
  • Ogne nuova legislatura so' cinc' anne 'e fregature.
  • Ogni nuova legislatura, diventa cinque anni di fregature.
  • Ogne prumessa è debbeto.
  • Ogni promessa è debito.
  • Ogne scarpa addiventa scarpone.
  • Ogni   scarpa   diventa scarpone. Tutto invecchia.
  • Ogne scarrafone è bello â mamma soja.
  • Ogni   scarafaggio   è bello agli occhi della madre.
  • Ognuno sape 'e fatte suoje.
  • Ognuno conosce i fatti propri.
  • Ommo 'e panza, ommo 'e sustanza.
  • L'uomo con la pancia è un uomo di sostanza (di carattere).
  • Ommo 'e vintotto e femmena 'e diciotto.
  • Uomo di ventott'anni e donna di diciotto.
  • Ommo senza vizi è menesta senza sale.
  • L' uomo   senza vizi è insipido.
  • Palomma pasciuta, cerasa amara.
  • Colomba sazia, ciliegia amara.
  • Pazze, prievete e puttane: hé sta sempe cu 'na mazza 'mmano.
  • Pazzi, preti e puttane: devi stare sempre con una mazza in mano.
  • Pe' canoscere 'o munno nce vo' tiempo assaje.
  • C'è sempre da imparare.
  • Pe fa 'a 'uerra nce vonno 'e surdate.
  • Per andare in guerra c'è bisogno dei soldati. Per riuscire in un lavoro c'e bisogno anche della manovalanza.
  • Pe' fa 'e figli carrettiere, nce vonn' 'e cazz' 'e vatecare.
  • Per fare i figli carrettieri, ci vogliono padri conduttori di carrozze. Per riuscire in un campo spesso è necessario avere una famiglia alle spalle che sappia indirizzarti.
  • Pe' 'nu monaco nun se perde 'o cunviento.
  • Per un monaco non si perde il convento. Per un solo elemento negativo non si perde il carico.
  • Piace cchiù 'na fella 'e pescespata ca ciento alicelle.
  • Piace più una fetta di pesce spada che cento alici.
  • Pìgliate 'o (mumento) buono quanno vene, ca 'o malamente nun manca maje.
  • Approfittate della fortuna quando capita, perché la sfortuna non manca mai.
  • Pìzzeche e vase nun fanno pertose.
  • Pizzicotti e baci non fanno danni.
  • Prieghe e chiante spertosano 'nu core 'e diamante.
  • Pregiere e pianti bucano un cuore di diamante.
  • Pure 'a regina avette bisogno da vicina.
  • Anche la regina ebbe bisogno della vicina. Ricordati che tutti prima o poi hanno bisogno d'aiuto.
  • Pure 'nu caucio 'nculo fa fa' 'nu passo 'nnanze.
  • Pure un calcio nel deretano fa fare un passo avanti.
  • Quanno 'a capa perde 'e sense, se ne strafotte pure 'e sua eccellenza.
  • Quando il capo perde il senno, se ne frega pure di sua eccellenza.
  • Quanno 'a femmena bbona è tentata e resta onesta, significa ca nunn'è stata bona tentata.
  • Quando una donna onesta è tentata e resta onesta, significa che non è stata tentata bene.
  • Quanno 'a femmena vò ll'amico s'ambruscina pure cu tico.
  • Quando una donna desidera un amante, fa la graziosa anche con te.
  • Quanno 'a moda dice ca è ora, vide 'a femmena c'o culo 'a fora.
  • Quando la moda dice che è ora, vedi le ragazze col fondoschiena scoperto. La   donna   per la moda fa di tutto.
  • Quanno chiove cu 'o sole tutte 'e viecchie fann' ammore.
  • Quando piove col sole gli anziani fanno l'amore.
  • Quanno ddoje se vonne, cincuciente nun ce ponne.
  • Quando due persone si vogliono, cinquecento non possono fermarli.
  • Quanno nun tiene che jucà joca coppe!
  • Se non hai carte buone affidati al caso!
  • Quanno 'o ciuccio nun vo' vevere, hé voglia d'o siscà.
  • Quando l'asino non vuole bere è inutile fischiarlo.
  • Quànno 'o cùlo se fa pesànte ce ne iàmmo p'e sànte.
  • Quando il sedere diventa pesante andiamo dai santi. Verso la fine della vita spesso ci si accosta alla   religione .
  • Quanno 'o diavulo t'accarezza, vo' ll'anema.
  • Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.
  • Quanno 'o mare è calmo ogni strunz'è marenaro.
  • Quando il mare è calmo ogni fesso è marinaio.
  • Quanno 'o mare nunn'è muorto, 'e pisce so' vive.
  • Quando il mare non è morto, i pesci sono vivi. Quando il mare è un po' mosso, la pesca è abbondante.
  • Quanno 'o mellone esce russo, ognuno ne vo' 'na fella.
  • Quando il melone è rosso, ognuno ne vuole una fetta. Quando l'affare si rivela buono ognuno vuole goderne.
  • Quanno 'o pesce fete, accummence d' 'a capa.
  • Il pesce comincia a puzzare dalla testa.
  • Quanno 'o Signore 'nzerra 'na porta, arape 'nu purtone'.
  • Quando Dio chiude una porta, apre un portone.
  • Quanno Pulecenella va 'ncarrozza, tutte 'o vedeno.
  • Quando Pulcinella va in carrozza tutti lo vedono. Quando un povero fa qualcosa di diverso è adocchiato da tutti.
  • Quanno si 'ncudine statte, quanno si martiello vatte.
  • Quando sei incudine statti, quando sei martello batti.
  • Quanno siente 'o llatino d'e fesse, sta venenno 'a fine d'o munno.
  • Quando gli imbecilli parlano il   latino , la rovina è vicina.
  • Quanno te prumettono 'a purcella fuje cu 'a funcella.
  • Quando ti promettono una cosa prendila al volo.
  • Quanno uno è fesso, è fesso: nun c'è cchiù che fa.
  • Quando uno è sciocco, è sciocco: non c'è più che fare.
  • Quatto li cose a 'o munno ca fanno cunzula': 'a femmena, l'argiamma, lo suonno e lo magna'...
  • Quattro le cose al mondo che consolano: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare...
  • Rafaniè, fatt'accattà 'a chi nun te sape.
  • Ravanello, fatti comprare da chi non ti conosce.
  • Sasiccia 'nzaccata, biato chi l'ha truvata.
  • Salsiccia insaccata, beato chi l'ha trovata.
  • Sa meglio lo pazzo li fatticielle de la casa soja, che lo savio nun sa li fatte d'autro.
  • Sa meglio il pazzo i fatti di casa sua, che il saggio i fatti degli altri.
  • Scarte frusc' e pigl' primmere.
  • Eviti una scartina e te ne capita una peggiore.
  • Se magna pe' campà, nun se campa pe' magnà.
  • Si mangia per vivere, non si vive per mangiare.
  • Secunno ca te siente e tu mena li diente.
  • A seconda di come ti senti, mangia.
  • Senza denare nun se cantano messe.
  • Senza soldi non si cantano messe.
  • Senza 'e fessi 'e diritte nun camparriano.
  • Senza i fessi i diritti non camperebbero.
  • Si 'a fatica fosse bona 'a facessero 'e prievete.
  • Se la fatica fosse buona la farebbero i preti.
  • Si Dio nun vo', manco 'e Sante 'o ponno.
  • Se Dio non vuole neanche i santi possono.
  • Si esce 'o sole esce pe' tutte quante!
  • Se esce il sole esce per tutti.
  • Si nun può mangia' carna, accuntientete d'o brodo.
  • Se non puoi mangiare la carne accontentati del brodo.
  • Si nun saje fa' 'o scarparo nun sfottere 'e ssemmenzelle.
  • Lasciate spazio ai professionisti.
  • Si 'o prestito fusse buono se 'mprestarria 'a mugliera.
  • Se prestare fosse cosa buona si presterebbe perfino la moglie.
  • Si peggio da scumma 'e miez'e pacche de' cavalle 'e bellumunno.
  • Sei peggio della schiuma fra le natiche dei cavalli di Bellomunno. / Sei il massimo della schifezza.
  • So' comme tazza e cucchiare.
  • Sono sempre assieme.
  • Sparte ricchezza, addeventa povertà.
  • Dividere un'eredità o ricchezza tra più persone, spesso diventa una miseria.
  • Storta va deritta vene, sempe storta nun po' gghì.
  • Insisti, prima o poi girerà bene.
  • Sulo 'a pòllece sape chello ca nce stà dint' 'a cammisa.
  • Solo la pulce sa ciò che c'è sotto a camicia.
  • T'aggia 'mpara' e t'aggia perdere.
  • Il mio destino dev'essere di insegnarti (a vivere, un mestiere) e poi di perderti.
  • Taglia curto quanno 'o mmale sta dint' 'a radeca.
  • Quando il   male   è alla base taglia corto.
  • T'attigg' e t'amarigge, ma te conoscon' a Parigi?
  • Ti vanti e ti dai tante arie, ma ti conoscono a Parigi?
  • Tiempo perduto nun s'acquista maje.
  • Il   tempo   perduto non si riacquista.
  • Tieneme ca te tengo.
  • Tienimi che ti tengo. Abbiamo bisogno l'uno dell'altro.
  • Tra mastu Francisco e 'o bancariello nun se sape chi ha fatte rummore.
  • Fra mastro Francesco e la bancarella non si capisce chi ha fatto rumore. Non assumersi le proprie responsabilità.
  • Tre so' 'e putiente: 'o papa, 'o rre e chi nun tene niente.
  • Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non ha niente.
  • Uocchie ca nun vede, core ca nun chiagne.
  • Occhio che non vede, cuore che non duole.
  • Vai cercann' 'a salut' 'o spitale.
  • Cerchi la salute all'ospedale.
  • Vide Napule, e po' muore. .
  • Detto popolare napoletano sulla bellezza della città.
  • Vicin'a chiesa, luntane 'a Dio.
  • Vicino alla Chiesa, lontano da Dio.
  • Vicin'a sessantina, lassa 'a femmena e piglia 'a cantina.
  • Quando ti appressi ai sessant'anni, lascia la donna e ricorri al vino.
  • Viento 'e mare, va' t'arrepàre.
  • Quando c'è aria di burrasca meglio ripararsi.
  • Vittoria senza sango, annore 'e capitano.
  • Vittoria   senza sangue, onore di capitano.
  • Voce 'e popolo, voce 'e Dio.
  • Voce di popolo, voce di   Dio . (vox populi vox dei)
  • Vuò vedé 'o fesso? Fa 'o pirete e ride.
  • Vuoi vedere il cretino? Scorreggia e ride.
  • Vuoje spellate maje tireno carre.
  • Buoi spellati non tirano il carro.
  • Vuotteme ca' vaco e tirame ca' vengo.
  • Spingimi che vado e tirami che vengo.
  • Zompa chi po' zumpa', dicette 'o ranavuóttolo.
  • Salti chi può saltare, disse il rospo.