prover

I Proverbi Regionali

Proverbi Emiliani Regione Emilia Romagna

  • Al strigh s't'a li vu considerè, int una vècia no ti affissè, parchè una zovna la t'pò strighé.
  • Se le streghe vuoi considerare, in una vecchia non ti fissare, perché una giovane ti può stregare.
  • I prit i canta e icsé i incanta. I prit i prega, mo a me i n'u m'frega.
  • I preti cantano e così incantano. I preti pregano ma non mi fregano.
  • Par Santa Catarena o che neva o che brena o che tira la curena o che fa la paciarena.
  • Per Santa Caterina o nevica o brina o soffia scirocco o fa le pozzanghere.
  • Setémbar e utòbar cun dal bél giurnèdi, temp ad fè dal scampagnèdi.
  • Settembre e ottobre con belle giornate, tempo per fare scampagnate.
  • Erchbalen da cant dla sera e' fa ars-ciare la vela, erchbalen de cant de la matena e' fa rimpì la psculena.
  • Arcobaleno dal canto della sera fa rischiarare la vela (l'orizzonte), arcobaleno dal canto della mattina fa riempire la pozzanghera.
  • I giurnél, i scrìv i fùrb e i lezz i patèca.
  • I giornali sono scritti dai furbi e sono letti dagli sciocchi.
  • L'aqua la fa mêl, e' ven e' fa cantê.
    L'acqua fa male, il vino fa cantare.
  • Una bona dbuda la t' fa rómpar mej l'êria e la t' fa vdé e' mond pió bël.
    Una buona bevuta ti fa romper meglio l'aria e ti fa vedere più bello il mondo.
  • E porta via anche e fom mal pepie.
    Porta via anche il fumo alle pipe (una persona di mano lesta).
  • L'istruziàn l'é quall ch'avanza quand as é dscurdè tòtt quall ch'as' é imparè.
    L'istruzione è ciò che resta quando si è scordato tutto ciò che si è imparato.
  • Quand che al nuval al va a bulogna e piòv c'un s'vargogna!
    Quando le nuvole vanno verso Bologna, piove senza vergogna!
  • L'ha più cornie quel chi lì, ca ne un baratule d lumeghie.
    Ha più corna quello di un barattolo di lumache.
  • I parint iè cumè e pes, dop tre dé i poza.
    I parenti sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano.
  • L'è mei un mort ad chesa che un marchigien sla porta.
    È meglio avere un morto in casa che un marchigiano sulla porta (si narra che all'epoca dello Stato Pontificio i marchigiani erano esattori di tasse, da qui il detto).
  • I sold l'è come i dulur, ch j à i si tén.
    I soldi sono come i dolori, chi li ha se li tiene.
  • Rèmin da navighê, Cesena da cantê, Furlé da ballé, Ravena da magnê, Lugh da imbrujê, Faenza da lavurê, Jemula da fè ‘l'amor.
  • Rimini per navigare, Cesena per cantare, Forlì per ballare, Ravenna per mangiare, Lugo per imbrogliare, Faenza per lavorare, Imola per fare l'amore.
  • Quattrein e amizeiza velen piò dla giustezia.
    Quattrini e amicizia valgono più della giustizia.
  • Sparagna, sparagna, la gata s'la magna.
    Risparmia, risparmia e la gatta se la mangia
  • Se Nadèl la dmenga e' ven, l'ann l'è sgraziè ben, se e' ad mert l'avnirà, furtunè l'ann e' sarà.
    Se Natale viene di domenica l'anno sarà disgraziato, se verrà di martedì sarà fortunato.
  • Mêrz marzòt, lóngh e' dé quânt dla nòtt.
  • Marzo bazzotto, lungo il giorno quanto la notte.
  • Méral, d'mêrz no cantê no cantê, chè e' tu bëch u t's'pò agiazê. Lassa ch'e' chenta e' ragiòn, ch'u n'à paura d'incion.
  • Merlo, in marzo non cantare, perch' il tuo becco si può raffreddare. Lascia che canti la tordella, che non ha paura di nessuno.
  • La neva marzulena la fa la sera e va via la matena.
  • La neve marzolina viene alla sera e va via alla mattina.
  • Mérz e marzett e' fa murì chepra e caprett.
  • Marzo e marzetto fa morire capra e capretto.
  • Chi dzona tot' la quaresima infera a e' sàbat sânt quând l'ariva a Pasqua l'à pers e' fiânc.
  • Chi digiuna tutta la Quaresima fino al sabato santo quando arriva a Pasqua ha perso il fianco.
  • Lom, lom a marz, ogni spiga fazza un barch; un barch, un barcarol, ogni spiga un quartarol.
  • Lume, lume a marzo, ogni spiga produca una bica; una bica, una bichetta, ogni spiga un quartarolo.
  • Croscia ed legn, croscia ed fer, la Madòna sempre e e'diavle quael.
  • Croce di legno, croce di ferro, la Madonna sempre e il diavolo mai. ( Montescudo, quando il fuoco era spento i ragazzi tracciavano sul posto una croce e dicevano… )
  • La dmanga la sgura la crécca ed tòtta la stména.
    La domenica spazza via la rugine di tutta la settimana.
  • La furtòna l'è fata a cavéc;chi è ban d'infilzerrla e chi nà.
    La fortuna è fatta a cavatappi;chi è capace infilarla e chi no
  • Al prumétter è la vizéllia dal dèr.
    Il promettere è la vigilia del dare.
  • Al pàn di èter l'ha sèt grasst.
    Il pane degli altri ha sette groste.
  • Al fòm dal mi paiàisal luspiò che al fugh ed chi èter.
    Il fumo del mio pagliaio illumina più che il fuoco degli altri.
  • S'et sté pr'anghèr,l'è ôura ed fèr di ròi.
    Se sei con l'acqua alla gola,è ora che chiedi aiuto.
  • La natura l'ha sàmper rasàn.
    La natura ha sempre ragione
  • Magnèr murdànt an vèl un azidant.
    Il troppo salato è il peggior difetto delle vivande.
  • Un cazadòur s'acgnóss anch dal can.
    Un cacciatore si riconosce anche dal cane.
  • L'amizezzia fa grandi el zoi e cinèn i dsgost.
    L'amicizia fa grandi le gioie e piccoli i dispiaceri.
  • I gòbbi i èn come l'aldàm,i van strumnè.
    Il danaro è come il letame che non serve se non è sparso
  • La muiér l'è una sèrva che bisàggna tratèr da regènna.
    La moglie è una serva che bisogna saper mettere su un trono.
  • Al cór l'è come un magatt;al và spàis pòch a la vòlta.
    Il cuore è un tesoro,sarebbe una rovina spenderlo in un sol colpo.
  • Chi zàirca quall ch'an impòrta,tròva quall ch'an zàirca.
    Chi cerca quello che non deve,trova quello che non vuole.
  • Spass al bèl l'ha pòch zarvèl.
    La stupidità è spesso ornamento della bellezza
  • A ogniòn al sôamstìr,e i cuntadèn a méder.
    Ad ognuno il proprio mestiere………….
  • Pardunànd un lèder as cundàna chi è unest
    Perdonando troppo a chi sbaglia,si fa ingiustizia all'onesto.
  • L'inteligiànt vòl savàir,al sumarnaz vòl insgnèr.
    L'intelligente vuole istruirsi,lo stupido insegnare.
  • Zarvèl d' ignurànt suspèta ogni numànt…
    Il sospetto è il compagno delle persone meschine.
  • Tén d'acàt el préd e pian piant'at truvarè un palàz…
    Chi risparmia piano piano si troverà una fortuna.
  • L'incazadùra dal galantòmen la dura pòch…
    Il galantuomo si arrabbia per poco tempo)
  • L'òmen l'è grand parché al sa d'esser un póver quèl…
    L'Uomo è grande perché sa di essere un povero essere.
  • Chi bans'guèrda,ban s' sèlva..
    Chi bene si comporta,bene si salverà.
  • Chi fa limòsna in furia al la fa dòu vôlt.
    Dà un doppio aiuto al povero chi lo aiuta in fretta.
  • Al busèder ed memoria curta fa spass padèla.
    il bugiardo deve avere buona memoria..
  • Al dé prémma l'ha daèsser màster dal dé dapp.
    Il giorno seguente è lo scolaro del precedente.
  • Salùt e in bulatta,mèza malattì…
    Mancanza di danari ,malattia senza pari.
  • Conséi ed fallé l'è piz d'una béssa in sagnn.
    Non vi è peggior nemico del cattivo consiglio.
  • Tu sò e métt là che la sô la vgnarà..
    Non vi è nulla di inutile,nemmeno l'inutilità stessa.
  • Magnèr con una man sòul l'è un trest magnèr.
    Mangiare con una mano sola è un mangiare magro.
  • Al premm turtel,an vèn mai bel.
    Il primo tortellino non è mai perfetto.
  • Chi ha póra ,an magna taiadèl.
    Chi ha paura non mangia le tagliatelle.
  • Chi ‘n magna,ha magnè
    Chi non mangia,è sazio.
  • Cul nud,e budel vsté ed vlud.
    È meglio andare senza vestiti,che stare senza cibo.
  • Pan e turtì.quand i én cut i én tott bì.
    Pane e tortelli,quando sono cotti sono tutti belli.
  • Chi la vôl còta,chi la vôl cruda, chi la vôl tòurta,chi vôl i turtì.
    Ognuno pensa e mangia a modo suo.
  • An s'nésa brisa i mlòn,da ster int l'éra.
    Non si odorano i meloni stando lontano.
  • Còsa d'pulàster,elià d'capàn spala rd castràn
    Coscia di pollo,ala di cappone, spalla di castrato.
  • Quatrèn e capàn,i en semper bòn
    Soldi e capponi,fanno sempre piacere averli.
  • Pass cot,e chèren cruda.
    Pesce cotto e carne cruda.
  • Al mèü,cer int al camp,ma fèss int la pgnata.
    Il miglio deve essere poco nel campo ,ma abbondante nella pentola.
  • Lòda la pulànt e magna al pan
    Preferisci la polenta,ma mangia anche il pane.