prover

I Proverbi Regionali

Proverbi FriulaniRegione Friuli Venezia Giulia

  • A baste miezore par imparâ a fâ i siôrs.  Basta mezz'ora per imparare a fare i ricchi
  • A chel che i pese di lavorâ dutis lis scusis e son buinis par polsâ. Colui al quale pesa il lavoro trova sempre una buona scusa per non lavorare.
  • A cui che al bute vie cu lis mans i tocje di lâ a cirî cui pîs. Chi butta via con le mani deve andare a cercare con i piedi.
  • Al è miôr vê di vê che vê di dâ.  È meglio dover avere che dover dare.
  • A maridasi si sta ben un mês, a copâ il purcìt si sta ben un an. Sposandosi si sta bene un mese, ammazzando il maiale si sta bene un anno.
  • Amôr cence barufe al fâs la mufe. Amore senza baruffa fa la muffa.
  • Amôr vieli nol ven rusin. L'amore vecchio non diventa ruggine.
  • Ancje Diu al è furlan: sa nol pae vuê al pae doman. Anche Dio è friulano, se non paga oggi paga domani.
  • Ancje il mus a si disgôse a fâ un cjant a la morôse. Anche l'asino si sgola per fare un canto alla fidanzata.
  • Bêçs e dolors: chel che ju à s'ài ten.  Soldi e dolori, chi li ha se li tiene.
  • Biele vigne, pocje ùe.  Bella vigna, poca uva.
  • Bisugne riscjâ se si ûl roseà.  Bisogna rischiare se si vuole rosicchiare.
  • Chel ch'al compre cence podê al vent cence volê. Chi compra senza potere vende senza volere.
  • Chel ch'al è amî di ducj nol è amî di nissun. Chi è amico di tutti non è amico di nessuno.
  • Cuant che la polente e je pizzule, ten la tô fete in man.  Quando la polenta è piccola, tieni la tua fetta in mano.
  • Cui ch'al fâs sù la cjase in place, la fâs o masse alte o masse basse.  Chi fa la casa in piazza, o la fa troppo alta o la fa troppo bassa.
  • Cu l'art e cul ingjan si vîf miez an, cul ingjan e cu l' art si vîf chê altre part. Con l'arte e con l'inganno si vive mezzo anno, con l'inganno e con l'arte si vive l'altra parte.
  • Cul vin si sta fra amîs, cu l'aghe si lave i pîs. Con il vino si sta fra amici, con l'acqua si lavano i piedi.
  • L'avâr no si picje par no spindi i bêçs da cuarde. L'avaro non si impicca per non spendere i soldi della corda.
  • La femine a ten su tre cjantons da cjase o a ju sdrume ducj cuatri.  La donna tiene su tre angoli della casa o li demolisce tutti quattro.
  • La robe dal Comun e je di ducj e di nissun.  La roba del Comune è di tutti e di nessuno.
  • La tristèrie si impare cence mestris.  La cattiveria si impara senza maestri.
  • Miôr sudâ che no tossi. Meglio sudare piuttosto che tossire.
  • Nissun al à tant cefâ come il bon di nùie. Nessuno ha tanto da fare come il buono a niente.
  • Nol è un vêr amî chel ch'al dîs simpri di sì.  Non è un vero amico chi dice sempre di sì.
  • O fasarài al è fradi di nò fâ mai. Farò è fratello di non fare mai.
  • Ogni mês si fâs la lune, ogni dì s'impare une.  Ogni mese si fa la luna (nuova), ogni giorno si impara una (cosa nuova).
  • O fasarài al è fradi di nò fâ mai. Farò è fratello di non fare mai.
  • Ogni mês si fâs la lune, ogni dì s'impare une. Ogni mese si fa la luna (nuova), ogni giorno si impara una (cosa nuova).
  • Par deventâ vecjos baste vê paziènce di vivi. Per invecchiare basta aver pazienza di vivere.
  • Pari basôal, famèe tal fossâl. Padre smidollato, famiglia nel fossato.
  • Prime di dî di nò, viôt se tu pûs dî di sì, prime di dî di sì, pense sôre une dì.Prima di dire di no, vedi se puoi dire di sì, prima di dire di sì, pensaci sopra un dì.
  • Se il Signôr al mande il frut al mande ancje il pagnut. Se il Signore manda il bambino manda anche il panetto.
  • Se tu cìris l'uguagliance tu le cjàtis tal simitieri. Se cerchi l'uguaglianza la trovi al cimitero.
  • Tal paîs dai zuèts, ducj e crodin di cjaminâ drets.  Nel paese degli zoppi, tutti credono di camminare dritti.
  • Una biele femine e je il paradîs dai vôi, l'infiâr da l'ànime, il purgatori dal tacuìn. Una bella donna è il paradiso degli occhi, l'inferno dell'anima, il purgatorio del portafoglio.
  • Vâl plui un visìn visìn che un fradi lontan. Vale di più un vicino vicino che un fratello lontano.