prover

I Proverbi Regionali

Proverbi Laziali regione lazio

  • Quann'è vvizzio nun è ppeccato.
  • Quanno anche la merda avrà valore i poveri nasceranno sensa culo.
  • Quanno la bocca magna e er culo renne, in culo alle medicine e a chi le venne.
  • Quanno te dice male mozzicheno pure 'e pecore.
  • Quanno te sveji co' quattro palle, er nemico è alle spalle.
  • Quel che non viene in un anno viene in un'ora.
  • Quello che nun strozza 'ngrassa.
  • Rigala émmorto e ddonato sta ppe' mmorì.
  • Roma è 'na città devota, ogni strada un convento, ogni casa 'na mignotta.
  • Roma fu fatta un po' pé' vorta.
  • Sacco vôto nun s'aregge dritto.
  • Se la schiuma rimane tu vattene, ma se la schiuma va via, tu rimani, che il vino è buono.
  • Se mi nonno c'aveva le rote era 'na cariola.
  • Se mi nonno c'aveva tre palle era 'n flipper.
  • Se non esce Cristo, non esce manco San Sisto.
  • S'è rovinato il presepe .
  • S'è scinciat' i' pr'ssep'.
  • Se sei papera ... vai all'acqua.
  • Se sei una gallina raspi in terra .
  • Se stava mejo quanno se stava peggio.
  • Se ti ha morsicato la serpe, hai paura anche della lucertola.
  • S'è trovato con il sedere dolorante e senza ciliege .
  • S'è truwat' cui cui rutt' i senza cirasa.
  • Se tte 'ncazzi e poi te scazzi è tutto 'n cazzo che tte 'ncazzi.
  • Se tutti i passeri conoscessero il fico, il contadino che mangerebbe?
  • Seee... e mo' se coce 'sto riso.
  • Si la schiuma r'mana, tu uatténn', ma si la schiuma s' n' ua, tu r'mani, ca l' uin' è bbón'.
  • Si moro e poi arinasco prego Dio de famme rinasce a Roma mia.
  • Si 'na ciocca d' magli'.
  • Si n'n esci Crist', n'esci manc' San Sist'
  • Si nun è zuppa è pan bagnato.
  • Si nun sei re, nun fa' legge nova e lassa er monno come se trova.
  • Si Roma c'avesse er porto Napoli sarebbe 'n orto.
  • Si si caglina.. 'ndera raspi.
  • Si si pap'ra... all'acqua vai.
  • Si t'è muzz'cat' la serpa, té paura pur' d' la lancerta.
  • Si tutti i passiri cunuscess'n' alla fica, gli uillan' che s' magnaria?
  • So tutti froci cor culo dell'altri
  • Sono finite le noci a Bacocco
  • Sott' la pianta d' cércia, ci raccolli l' cerci.
  • Sotto la panza la mazza avanza.
  • Sotto la pianta di quercia puoi trovarci solo altre querce .
  • Sta' colli piedi 'nde le scarpe tua.
  • Stai a cazzo dritto che piove fregna
  • Stai calmo merlo che il cespuglio è lungo .
  • T' scrocc' n' mii rei d'ret all' cord' d'i cogli!.
  • Tanto va la gatta al lardo che ce lascia lo zampino.
  • Te fai come l'antichi che se magnaveno le cocce e buttaveno li fichi.
  • Tè tutt' l' cord' d' i cogli d' i padr'.
  • Ti tiro un mela avariata dietro alle corde del collo .
  • Trist' quann' gl'om' sa mett' l' sal' alla m'nestra
  • Triste quando l'uomo sa mettere il sale alla minestra
  • Troppi galli a cantà, nun se fa mai giorno.
  • Tu sei il cachì ma a me non "allappi" .
  • Tu si cachì ma a mi n' m' allappi.
  • Tua zia si prostituisce e tua madre le tiene i conti .
  • Tutte le strade porteno a Roma.
  • Ua circhènn' Maria pu Roma!
  • Uai circhènn' a chi s' c'è mórt' la mamma i gli padr'
  • Uo' bben' a ddui: a chi ci dà i a chi n'n ci pèt'.
  • Uomini rossi e cani pezzati si devono uccidere appena nati.
  • Va cercando Maria per Roma .
  • Vai cercando chi ha la madre e il padre morti .
  • Vuole bene a due: a chi gli dà e a chi non gli chiede.