prover

I Proverbi Regionali

Proverbi Liguriregione liguria

  • A san Bastian, i giurni allunghiun di ün ura é di ün bàiu di can
  • A san Sebastiano, i giorni si allungano di un'ora e di un abbaio di un cane
  • A colira da séra, lascira pè a métina .
  • La   collera   della sera, lasciala per la   mattina
  • A vurpi perdi u pélu, ma u vizziu mai
  • La   volpe   perde il pelo ma non il   vizio .
  • A barba canua, a fantinetta a ghe sta dua .
  • A chi ha la barba bianca, la fanciulla sta in guardia .
  • A quæ de sposâ a l'è comme quella de cagâ, quande a ven bezeugna andâ..
  • La voglia di sposarci e come quella di defecare, quando arriva, bisogna andare..
  • A moæ di belinoin a l'é de lungo gräia.
  • La mamma degli imbecilli è sempre incinta.
  • A mëgio mëxinn-a a l'è o decotto de cantinn-a.
  • La miglior medicina è il "decotto" di cantina.
  • Arvî cioî cioî
  • Aprile   piovere piovere.
  • A bellessa a no fâ boggî a pûgnatta.
  • La   bellezza   non fa bollire la pentola.
  • Nella vita la bellezza non basta.
  • A fin do ratto a l'è d'èse mangiòu da-o gatto.
  • La fine del topo è di essere mangiato dal gatto.
  • Il più   forte   prevale sul più piccolo.
  • A o contadin l'è pægio sûnaghe o corno che o violin.
  • Al contadino è uguale suonargli il corno che il violino.
  • Un ignorante non capisce la differenza tra il corno e il violino.
  • A salûte sensa dinú a l'è unn-a mêza malattia.
  • La salute senza   soldi   è una mezza malattia.
  • I soldi non saranno tutto, ma certo aiutano.
  • A unn-a donna ben maiâ sciûga fîto o sêo bugâ.
  • A una donna ben sposata asciuga presto il suo bucato.
  • Un buon   matrimonio   fa andare bene tutto.
  • A veddieiva un orbo.
  • La vedrebbe un orbo.
  • Una cosa palese è vista da tutti.
  • Agiutta i têu e i âtri se ti pêu.
  • Aiuta i tuoi e gli altri se puoi.
  • È meglio aiutare prima i propri parenti e poi gli altri.
  • Andâ co-o vento in poppa.
  • Andare con il vento in poppa.
  • Avere successo.
  • Andâ pe-i sêu venti.
  • Andare per i suoi venti.
  • Andare per i fatti propri.
  • Avèi ciû corna che cavelli.
  • Avere più corna che capelli.
  • Per indicare una persona tradita.
  • Avèi o verme scimonin addosso.
  • Avere il verme scimonino addosso.
  • Indica un bambino irrequieto.
  • Aveine e stacche pinn-e.
  • Averne le tasche piene.
  • Essere stanco di qualche cosa.
  • A Bella de Torriggia che tutti voean e nisciun a piggia.
  • La bella di   Torriglia   che tutti vogliono e nessuno se la prende.
  • Ben fæto pe forsa o no vä 'na scorsa
  • Ben fatto per forza non vale niente
  • Bunifazziu é piccinin, quandu i cosi nun si sanu a séra, si sannu a métina
  • Bonifacio è piccolo, le cose che non si sanno la sera, si sanno la mattina
  • Le cose a Bonifacio si sanno subito
  • Chi agnilu si fà, a vurpi si ru manggia
  • Quello che si fa   agnello , la   volpe   se lo mangia
  • Chi si méscia d'affari altrui, di tré malani ghi ni tuca duvi
  • Chi si impiccia negli affari altrui, di tre disgrazie giene toccan due.
  • Chi no sappa no lappa.
  • Chi non zappa non mangia la zuppa: chi non lavora non mangia.
  • Chi l'e staeto bruxou da-a menestra cada o sciuscia in ta freida.
  • Chi si è bruciato con la minestra calda, soffia sulla fredda.
  • Chi veu vedde un cattivo fasse arraggiâ un bon.
  • Chi vuol vedere un cattivo faccia arrabbiare un buono.
  • Chi no cianze no tetta.
  • Chi non piange non tetta: chi non si lamenta non ottiene niente.
  • Chi piscia ciaru, nun n'a bisogniu di migu
  • Chi piscia chiaro, non ha bisogno di medicine
  • Da crovi nun ghi sciorti cardarini
  • Dai corvi non escono canarini.
  • De mazzo e de mazzon no levate o pelisson
  • i maggio e di "maggione" non levarti la pelliccia.
  • Dio m'avvarde da-i beghin e da chi va in gëxa tutte e mattin.
  • Dio   mi guardi dai bigotti e da chi va in chiesa tutte le mattine.
  • Dio t'avvarde da chi lëze un libbro solo.
  • Dio ti guardi da chi legge un libro solo.
  • Dònne, galinn-e e òche, tegnine pòche
  • Donne,   galline   e   oche , tenerne poche.
  • Dònna che-a mescia l'anca, s'à nu l'è pocu ghe mànca.
  • Donna che scuote le anche (sculetta), se non lo è (di facili costumi) poco ci manca.
  • D'ogniün gh'à i sè guai
  • Ognuno ha i suoi guai
  • E largu in dè u brénu é strétu in dè a farina
  • É largo come la   crusca   e stretto come la   farina
  • É impossibile
  • Fà du bèn a Giuan c'u te cagherà in man
  • Fai del bene a Giovanni e sarai mal ripagato.
  • Frevâ o curto l'è pezo che o turco
  • Febbraio il corto è peggio del turco.
  • Se frevâ no frevezza, marso ghe pensa
  • Se febbraio non "febbraieggia" ci pensa marzo.
  • Se febbraio non è rigido, il freddo arriva a marzo
  • Finché e prìe anniàn a-o fòndu, d'abelinae ghe ne saiàn de lungu.
  • Finché le pietre affonderanno, gli sciocchi non mancheranno.
  • I guai di a piniata, ri cunusci a trula, chè ri riméscia
  • I guai della   pentola   li conosce solo il cucchiaio che rimescola.
  • I gondoin e i funzi náscian sensa semenali.
  • Gli stupidi e i funghi nascono senza seminarli.
  • I sbagli di mëghi l'asconde a tæra, quelli di ricchi i dinæ.
  • Gli errori dei medici li nasconde la terra, quelli dei ricchi li masconde il denaro.
  • I   parenti   en comme e scarpe, ciù son streiti ciù fan mä
  • I parenti sono come le scarpe, più son stretti, più fanno soffrire.
  • Lati é vin chioji goufin
  • Il   latte   e il   vino   non si bevono assieme.
  • L'è mëgio ëse cöa de grigoa che cû de lion.
  • È meglio essere la coda di una lucertola che il sedere di un leone.
  • L'é megio avei e braghe sguaræ 'nto cù che o cù sguaròu 'nte brâghe
  • È meglio avere i pantaloni rotti nel culo, che il culo rotto nei i pantaloni.   (da Wikipedia, Lingua Ligure)
  • L'ogilu in dé a caggia, sè nun canta d'amù, canta di raggia
  • L'uccello nella gabbia, se non canta per amore, canta per rabbia
  • Né di mazu, né di mazun nun cacciati u tè pinizzun
  • Che sia maggio o maggio inoltrato, non mettere via la maglia pesante.
  • No ghé bella reuza ch'a no divente ûn grattacû.
  • Non c'è bella rosa che non diventi solo spine.
  • Nun stuzzicà, u can chè dormi
  • Non stuzzicare il   cane   che dorme
  • cativu marinà, tütti i véinti ghi dannu noia
  • Al cattivo marinaio, tutti i venti gli vengono contro
  • mési d'agustu, buggi u mà, é bugi u mustu
  • Nel mese di agosto, il   mare   ribolle come fa il mosto.
  • corvo dixe a o merlo: "cumme t'è neigru!".   (Modo di dire)
  • Il corvo dice al merlo «Come sei nero!».
  • cù e i dinê no se mostran a nisciun.
  • Il sedere e i soldi non si mostrano a nessuno.
  • meize de çiòule o ven pe tûtti.
  • Il mese delle cipolle   [del pianto]   viene per tutti.
  • Ogni cäso in to cû se fa ûn passo avanti.
  • Ogni calcio nel sedere si fa un passo avanti.
  • Sbagliando si impara.
  • Ommu piccin, tutto belin.
  • Uomo basso, tutto sesso.
  • Passaiu a Madonétta, adiu a zuvinéta
  • Passata   [il faro della]   la Madonnina, addio ragazzina.
  • Pe-o mâ de testa: mangiâ; pe-o mâ de pansa: cagâ.
  • Per il mal di testa: magiare, per il mal di pancia: andare di corpo.
  • Pescoèi de canna, caccioèi da visco e stramoèi da cristo son i ciu abbelinae co se segge mai visto.
  • Pescatori con la canna, cacciatori con il vischio e trasmutatori, stupidi così non s'è mai visto.
  • Pestâ l'ægua in to mortä.
  • Pestare l'acqua nel mortaio, perdere tempo.
  • Passòu o monte de Portofin moggé caa torno fantin
  • Oltrepassato il monte di Portofino, moglie cara ritorno celibe.
  • Pésca é pésca, üna cara paga a lésca
  • A forza di   pescare , ti viene a costare tanto l'esca
  • Piscaù di a cana, piggia pésci é nun guadagnia; a fin di a séttimana stripa léinza é rumpi a cana
  • Il pescatore con la canna, piglia pesci ma non ci guadagna; alla fine della settimana strappa la lenza e spacca la canna
  • Quélu chè si loda, si abroda
  • Quello che si vanta, si umilia
  • Quélu chè fà a süpa ra manggia
  • Quello che si fa la zuppa se la mangia
  • Ognuno pensa prima a se stesso
  • Quandu niviriggia a trinità, lascia a zappa é scapa in casa
  • Quando nevica il giorno della Trinità, lascia la zappa e scappa in casa.
  • Sbaglia finn-a o præve in to dî messa.
  • Perfino il prete sbaglia nel dir messa.
  • Sciûsciâ e sciorbî no se pêu.
  • Soffiare e succhiare non si può.
  • Se a-a sèia ti mangi comme 'n treuggio, a-a neutte no ti strenzi l'euggio.
  • Se la sera mangi come ad un trogolo, di notte non chiudi occhio.
  • Se i disonesti foissan nuvie, ghe saieiva de longo o diluvio.
  • Se i disonesti fossero nuvole, ci sarebbe sempre il diluvio.
  • Se u cân sè gratta è balle, a-a lévre scappa in-ta valle.
  • Se il cane si gratta le palle, la lepre scappa nella valle.
  • 'Se stai con le mani in mano non combini nulla.
  • U diaviru ri fa a fà, é u signiùn ri fà a scrovi
  • Il diavolo fa le malefatte e il Signore le fa scoprire
  • U povéru meschin quandu gh'à u pan, nun gh'à vin
  • Il povero meschino quando ha il   pane , non ha il   vino
  • U tropu, stropia
  • Il troppo, stroppia