prover

I Proverbi Regionali

Proverbi LombardiRegione Lombardia

  • A' a scua ol mar.
  • Vai a spazzare il mare (andare a fare un lavoro inutile.. come scopare il mare).
  • A dientà ècc, a s'diènta s-cècc.
  • Diventando vecchi si diventa bambini.
  • A ülìs bé, se spènt negót.
  • A volersi bene, non si spende niente.
  • A la dòna fàga mancà tött ma mìa i sólcc.
  • Alla donna puoi far mancare tutto ma non i soldi.
  • A la Mórt se s'làsa ché töt.
  • Alla Morte si lascia tutto .
  • A'ndà s'bèca, a stà a cà l'sèca.
  • (Sottinteso l'uomo) "Ad uscire si rimorchia, a stare a casa rinsecchisce".
  • A camp tempestaa nò var benedizion.
  • A Carnavaa ol porscell al va mazzaa. (A Carnevale il maiale va ammazzato).
  • A fà un pret ga voeur un sacch da danee, ma quand al prét l'è faa, al sacch l'è bell e guadagnaa.
  • A la domenega dai oliv tucc i usei fann el sò nid.
  • A la fin de Agost, giò 'l sô l'è fosch.
  • A l'è vora de fà el scovin quand el borla giò el fiorin.
  • A san Martì al móst l'è ì.
  • A san Martino il mosto è vino
  • Il giorno di San Martino di Tours (11 novembre) il mosto è divenuto vino
  • A'n dà fò fevru e nòm dà diter marsù  
  • Esci Febbraio ed entra Marzo
  • Era un modo per dichiarare la fine dell'inverno e augurarsi una buona primavera
  • A parlaa maa se fa maa, ma se indovina. (A parlar male si sbaglia, ma si indovina)
  • A parlaa maa se fa pecaa, ma s'è mai sbagliaa (A parlar male si fà peccato ma non ci si sbaglia)
  • Arent al foeugh la paja la brusa. (Vicino al fuoco la paglia brucia)
  • A San Gall se somma al pian e al vall.
  • A Santa Caterinna el fregg el se rafinna.
  • A ciapà i muschi per lasà 'nda i tavan.
  • Prendere le mosche per lasciare andare i tafani.
  • Amur di fradii, amur di curtii.
  • Amore dei fratelli, amore dei cortili.
  • A prima ruscià d'Aùstu, porta via püras e muschi.
  • Il primo acquazzone di Agosto, porta via le pulci e le mosche.
  • A Santa Margaritta s'han de vedé i castegn lontan ona picca.
  • A Sant Andreja el fregg te nega.
  • A Sant Andreja monta el fregg in cardeja.
  • A Santa Teresa se somna a la destesa.
  • A Sant Isepp sa tira ol fiaa: ol dì e la nòcc hinn longh inguaa.
  • A San Vittor mett la pell al sol. (A San Vittore metti la pelle al sole)
  • A San Vittor trà foeura la bianchetta con tutt onor.
  • A Sònt Andrea ol fregg al monta in cadrega.
  • A Sònta Caterina ò nev ò brina.
  • A stà coi can se impieniss se pures.
  • A toeu miee, pensegh fin ai trenta, dopo pensegh anmò on pòco... e finiss a toeula nò.
  • A tutt i Sant, guantin e guant.
  • Al gh'è miga matela bela ca nu la sia gavela; ma chili bruti glien gaveli tuti.
  • Al par del ramm e del coramm, anca i dònn con pù se batten deventen bònn.
  • Ann de erba, ann de merda. (Anno d'erba, anno di merda)
  • April fà ol fior e magg el gh'ha l'onor.
  • Agost gh'è gnà sìra che ghè fósch.
  • Ad agosto arriva buio prima di sera .
  • Agost se rinfrèsca l'bósch.
  • Ad agosto si rinfresca il bosco.
  • Amùr de fradèi, amùr de cortèi.
  • Amore di fratelli, amore di coltelli.
  • Almeno ù che l' sì, disìm che gnì, che parl'a chi g'à e ù che gh'ì.
  • Almeno voi che lo sapete ditemi che venite, che si parla di chi ha.
  • A dés agn l'è ü s-cèt, a vint agn l'è ü paù, a trènt agn l'è ü leù, a quaranta l'è ü béstiù, a sinquanta l'è ü volpù, a sessanta l'è ü capù, a setanta l'è ü s-cetù, a otanta l'è 'n del balù.
  • (L'uomo) a 10 anni è un ragazzo, a 20 è un pavone, a 30 è un leone, a 40 è un bestione, a 50 è un volpone, a 60 è un cappone, a 70 è un ragazzone, a 80 è nel pallone.
  • A l' tira piö ü pél de pòta che sènt caài chi tròta.
  • Tira di più un pelo di vulva di cento cavalli al trotto.
  • A chi che'l vàrda i sò difècc ghe pàsa la òia de fa i dispècc.
  • A chi guarda i propri difetti passa la voglia di fare i dispetti
  • Ai pultrù ghé da fàstide l'òmbra dei lasarù.
  • Ai poltroni dà fastidio l'ombra dei lazzaroni
  • Al calt del lensòl 'l fa mia buì al paròl.
  • Il caldo del lenzuolo non fa mica bollire l'acqua nella pentola
  • Al fiöl de gàmba störta al fà guarì la zèt mörta.
  • Il figlio di gamba storta fa guarire la gente morta
  • Il vino (figlio di gambastorta, che è la vite) fa resuscitare anche la gente morta
  • Al pòm piö bél, al và an'boca al porsél
  • Il pomo più bello va in bocca al porcello
  • Le cose migliori vanno sempre perse
  • Andà an piàsa a tö consèi, andà a cà a fà del so mèi.
  • Andare in piazza a prender consiglio, andare a   casa   a fare del proprio meglio
  • Ardét po' a de dré, che'l ghè argù che'l stà pègio de té
  • Guardati un po' anche alle spalle, che c'è qualcuno che sta peggio di te
  • Aria de fesùra pórta ala sepùltura
  • Aria di fessura porta alla sepoltura
  • Gli spifferi d'aria fanno male alla salute
  • A mangià l'órss ol cül al sé rincorss.
  • A mangiare l'orzo (minestra tipica) il culo si accorge (fa scaricare) .
  • A parlà de cül e de mèrda l'anima la se consèrva.
  • A scherzare di "culo e merda" si mantiene lo spirito.
  • A ó a ae e öi i ae ìe.
  • (Scioglilingua)   Vado ad api e voglio le api vive
  • A ó a et a ent i ae ìe.
  • (Scioglilingua)   Vado a veder vendere le api vive
  • A chèla àca là che la 'a 'nchela cà là.
  • (Scioglilingua)   Guarda quella mucca là che va in quella casa là.
  • Aqua sànta e tèra sànta'nsema i fà ól paciük.
  • Acqua santa e terra santa, insieme, fanno melma . /simile al detto l'occasione fa l'uomo ladro/.
  • Bèi e bröcc a i è depertöt, bù e gram a i è depertöt.
  • Belli e brutti sono ovunque, capaci e incapaci sono ovunque.
  • Bosii e giurament quaj voeulta hinn bon parent.
  • Bèi a n' fassa, bröcc a n' piassa.
  • Belli in fasce, brutti in piazza (da adulti).
  • Boca fa sito che tàn paghe mes bicer.
  • Bocca stai zitta che ti pago mezzo bicchiere.
  • Caràter de la rassa bergamasca, fiama de rar, sóta la sènder brasca.
  • Carattere della razza bergamasca: s'infiamma raramente, sotto la cenere la brace.
  • Chi gà pùra dèl pecàt al mörr cól cül pélàt.
  • Chi ha paura del peccato muore col culo pelato.
  • Chi g'a n' bél nàs, g'a n' bu cass.
  • Chi ha un bel naso, ha un bel ....
  • Chi l'è stacc iscotàt öna ólta, l'ótra l' ghe bófa sura
  • Chi è stato scottato una volta, l'altra ci soffia sopra.
  • Caga come on'òcca e pissa come on can se te voeu stà semper san.
  • Cavalee zòpp, galett a balòcch.
  • Cent coo, cent crapp, cent cuu, dusent ciapp!
  • Chi comanda fa legg.
  • Chi fa tant ghe manca al pan, chi fa pòcch ghe n'ha anca tròpp. (A chi fa tanto manca il pane, chi fa poco ne ha fin troppo)
  • Chi gh'ha fen, gh'ha tutti i ben.
  • Céra de fan amò e pintís mài
  • Ha la faccia di chi lo rifarà, senza pentirsene
  • Chi ga pòra del pecàt al ga semper el gòs pelàt
  • Chi ha paura del peccato ha sempre il gozzo pelato
  • Chi è scrupoloso è sempre povero.
  • Chi gh'ha danee fa danee, e chi nò gh'ha danee el pò fà scusà el cuu per candiree.
  • Chi gh'ha la vigna sova in tra marz e april la brova.
  • Chi gh'ha danee fa danee, e chi gh'ha pioeucc fa lenden.
  • Chi 'l vosa pussee, la vacca l'è soa.
  • Quanche la Còrna la gà al capél o ch'al piòf o ch'al fa bél Quanche la gà mìa
    o che'l piòf, o che'l piòf mìa
     
  • Quando la Corna ha il cappello o piove oppure fa bel tempo Quando invece non ce l'ha,
    o piove oppure no.
  • Il tempo attorno alla   Concarena   è sempre incerto
  • Chi maja el levaa caga el pajee.
  • Chi ona schisciada d'oeugg non al comprend, l'è intregh in dal crompà, pesg in dal vend.
  • Chi nò pensa innanz despoeu sospira.
  • Chi no voeur fa pedin faga pedanna e chi no voeur fà all'amor vaga in la tanna.
  • Chi toeu miee a bonora coi sò fioeu lavora.
  • Cun calma e con pazienza, gh'hann faa 'l bus del cuu a voeugn che l'eva senza
  • Curt de vista, longh de battista.
  • Chi g'a mia l'antadùr i'se 'anta de per lür
  • Chì non ha qualcuno che li vanti si vantano da soli'
  • Chèl che g'ó al cül (té) me l' tróet
  • Tutto quello che ho al sedere me lo trovi
  • Tutto quello che ho lo sfoggio.
  • Chèl chè'l rìa tàrde al mangia i ànsaròcc.
  • Chi arriva tardi mangia gli avanzi . (Metaforicamente anche in amore)
  • Chèl che l'sà a l'laùra, chèl che l'sà mìa l'insègna.
  • Chi sà lavora, chi non sà insegna.
  • Chèle che córr a töte i campàne i è i pö putàne.
  • "Le donne che accorrono a tutte le campane (di chiesa) sono le più puttane."
  • ...Ciao màma che'ndò cól nóno.
  • ...Ciao mamma che vado a vivere col nonno.
  • Detto di una (un) giovane che ha una relazione con un anziano.
  • Ciàpèn da chi che'l piàns e daghèi a chè'l che'l grègna.
  • Prendi soldi da chi si lamenta e danne a chi sorride .
  • Cort de vista, long de batista.
  • Corto di vista, lungo di pene .
  • Cül e sólcc i fà chèl che ghe'nà òia.
  • Culo e soldi fanno quello che gli pare.
  • De chèi tocàcc de Dio, tri pass in drio.
  • Da quelli toccati da Dio, tre passi indietro .
  • Dai pazzi bisogna stare lontani.
  • Del sunì a s'böta vià negótt.
  • Del maiale non si butta via nulla .
  • Di vinte ài trènta i và chi spaènta, di quarànta i sinquànta i và chi stànta, di sesànta i setànta i précc i cànta, di otànta'nda'nsö i se cónta gnà piö.
  • Dai 20 ai 30 (anni di un essere umano) quando muoiono spaventa, dai 40 ai 50 sono i più che vivono, dai 60 ai 70 sono i più che muoiono, oltre gli 80 sono pochi i vivi.
  • Dòne che la piàns e caàl che 'l süda... i è fals cume Giüda
  • Variante :   Fónna che la piàncc e caàl che l' süda, töcc du fals cume Giüda
  • Donna che piange e cavallo che suda, sono falsi come Giuda.
  • Degh adòss che l'è de Monscia.
  • De là del podè nò se poeu minga andà.
  • D'avril 'na gosa per fil
  • D'aprile una goccia per filo d'erba
  • Desgrazia del can fortunna del loff.
  • Da i segnàcc de Dio gnè sta tré pas an drío
  • Dai segnati da Dio bisogna stare tre passi indietro
  • Bisogna allontanarsi dai menomati
  • Dal sòc el vè lé stèle
  • Dal ceppo ne vengono le stelle
  • Tale genitore, tale figlio
  • Di donn ghe 'n voeur domà dò per ca: vunna viva e l'altra pitturada sul mur.
  • Dicember, fiòcca e fa fregg: pissa 'l camin e pareggia 'l scoldalecc.
  • El mangià per vess assee el gh'ha de cress .
  • Il cibo, per essere a sufficienza, deve avanzare .
  • Detto dopo aver mangiato di gusto.
  • Donna che piansg, cavall che suda, òmm che spergiura, pòcch temp el dura.
  • Dònna sòna pissa 'me ona fontòna.
  • Dal dedré la te tènta, dal denàcc la te spaènta.
  • La donna che vista da dietro ti tenta, dal davanti ti spaventa.
  • Dòne, pàssere e óche i par tante anche quando i è póche.
  • Donne, passere e   oche   sembrano tante anche quando sono poche.
  • Dopo la quarantìna ü dulùr ògne matìna.
  • Dopo i quarant'anni un dolore ogni mattina.
  • El ben del patron l'è come al vin del peston, che alla matinna l'è bon e alla sira l'è guast.
  • El mond l'è mezz de vend e mezz de comprà.
  • El pioeuv e el dà el sò, el balla i strij e el servitò, el servitò el butta in lecc, el balla i strij sul tecc.
  • El Poo el sarav minga Poo se Ada e Tesin no ghe mettessen coo.
  • El Signor el creja l'agnellin con el sò pascolellin.
  • El temp el regoeujem sul nòst.
  • Fà e desfà l'è sèmper laurà
  • Fare e disfare è sempre lavorare.
  • Fin'àl quarànta de Màss caa mia fò i stràss.
  • "Fino alla prima decade di giugno non levarti i vestiti."
  • Fin che ghe n'è, viva'l re.
  • "Detto di chi sfrutta compiacente fin quando ne trae beneficio."
  • Fà tuttcoss al sò moment e i bon rav toeu su l'advent.
  • Febrar l'è curt, ma l'è pesg d'on Turch.
  • Guai a trùas a Linsì o a l'Adamé, dopo san Bartolomé  
  • Giai a trovarsi tra la malga Lincino e l'Adamé dopo san Bartolomeo
  • La festa di san bartolomeo segna un cambiamento di stagione
  • Foeuja smaggiada, galetta mai fallada.
  • Fònne, pasére e óche le par tante anca se ié poche
  • Donne, passere ed oche sembrano tante anche quando sono poche
  • Le donne, come le passere e le oche, hanno l'abitudine a fare molto rumore
  • Formenton a gatton, loeuv a monton.
  • Fa balà l'oeugg.
  • Figa a foresta, l'usell fa festa.
  • Fides dela vulp, fides del tass ma fides minga dela dona cul cu bass
  • Ghè de ìga l'invìss quando ghè ol lüìss.
  • Per un uomo è bene desiderare se è in grado di soddisfare .
  • Ghe n'é che mör, ma che nas... .
  • C'è molta gente che muore, ma c'è ne anche che nasce... .
  • ' Gioco di parole: Detto popolare utilizzato per commentare nasi molto "importanti".
  • ''   In questo caso "nas" (nascere) ha lo stesso suono di naso.
  • Ginee l'è on mes festee.
  • Genee e fevree l'è madregna, marz l'è tegna.
  • Quant che 'l Grigna al grignerà Prèsten, Bièn, Bèrs e Eden i pianzirà
  • Quando il Grigna riderà,Prestine, Bieno, Berzo ed Esine piangeranno
  • Quando il torrente Grigna strariperà, vi saranno grossi danni per i paesi di Prestine, Bieno, Berzo ed Esine
  • Gnè per tòrt, gnè per rezù lagàss mai enserà en prezù  
  • Né a torto, né a ragione lasciarsi rinchiudere in prigione
  • Giugn, la ranza in pogn.
  • Guardet de chi te fa pussee de mamma: ò ch'el voeur ingannàtt ò ch'el t'inganna.
  • Ghe n'è piö de fò che de dét.
  • Ce ne sono più fuori che dentro.   /Riferito a matti e delinquenti/.
  • Hét e Nàder tücc bindù e làder. Nàder e Hét tücc bùna zét
  • Ceto e Nadro (hanno gli abitanti) tutti lazzaroni e ladri. Nadro e Ceto sono tutti brava gente .
  • I dòne balòse i pèla i póe sènsa fàle usà.
  • Le donne furbe spennano le galline senza farle urlare   (circuìscono senza farsi accorgere)
  • I dòne de San Maté i gà ól denàcc po' anche'l de dré.
  • Le donne di S. Matteo hanno tanto seno e tanto sedere (agli uomini piacciono formose).
  • I danee fann dannà, ma a mia avègghen fann penà
  • I dònn se paragonen ai castegn: bell de foeura, denter gh'è i magagn.
  • In agost, giò el sol gh'è fosch .
  • In agosto, quando scende il sole c'è buio .
  • Le giornate cominciano ad abbreviarsi e finiscono presto.
  • Incoeu l'è foeuja, doman hinn foeuj.
  • In duu a un cappon e in quatter a on resegon.
  • I marà de Saviúr, quand nó i sa a chi fàghela, i se la fa tra de lùr
  • I Marà di Saviore, quando non riescono a far danni agli altri, se li fanno tra di loro .
  • In trent'ann e trenta mes torna l'acqua ai soeu paes.
  • In tutt i cà gh'è el sò defà.
  • I proverbi fallen minga (perché gh'hann mettuu cent agn a fai). (I proverbi non falliscono (perché c'hanno messo cento anni a farli)).
  • I ultem a andà in gesa hinn i primm a vegnì de foeura.
  • I usei in frasch e i fioeu in di strasc.
  • I sbaja pò i précc a dì mèsa.
  • Sbagliano anche i preti a dire messa
  • In d'una cà i sta bè duma tri done: Ona viva, ona morta e ona piturada in su la porta.
  • In una casa stanno bene solo tre donne: Una viva, una morta e una pitturata sulla porta.
  • I fiö in dul duca, chi ga i ha, i a pilüca.
  • I figli sono del duca, chi ce li ha li sopporta.
  • Lüi a téra la büi.
  • Luglio la terra bolle.
  • La aca ògne inte dé, ol caàl ògne òtt dé e la fónna töch i dé.
  • La mucca ogni venti giorni, il cavallo ogni otto giorni e la donna tutti i giorni
  • La bóca l'è la cumudità de la zét.
  • La bocca è la comodità della gente
  • Con la bocca puoi raccontare quello che ti fa più comodo (ti avvantaggia).
  • La bocca l'è minga stracca se la sa minga de vacca. (La bocca non è stanca se non sa di mucca (formaggio))
  • La bolp la lòggia la fa minga dagn.
  • La fiòcca desembrinna per trii mes la confinna.
  • La galetta l'è quella che ten avert l'uss tutt l'ann.
  • La geja fina ai genoeucc, la famm finna ai oeugg.
  • La nev de Ginee la piendis ol granee.
  • La tròppa confidenza la fa perd la riverenza.
  • L'ama el gran el sò paltan.
  • L'asen del Ghinella el gh'ha quaranta piacch sòtt a la sella.
  • La terra la va minga a l'osteria.
  • L'è cattiv segn quand la festa de ball la se fà in cà di sonador.
  • L'è de badee morì andree a la miee.
  • L'òm che 'l va sö e zö da la cantina
    al pàsa l'otantìna
  • L'uomo che va su e giù dalla cantina passa l'ottantina
  • Colui che scende a bere in cantina ma non si sofferma, vive a lungo
  • La mort del lüf l'é la sanidà dela pegora
  • La morte del Lupo è la salvezza della pecora
  • La ròba del Comù l'è roba de nigù
  • La roba del Comune è roba di nessuno
  • La ròba l'è mìa de chi ché l'ha ma de chi ché l'ha gót!
  • La roba non è di chi ce l'ha ma di chi ce l'aveva
  • L'è apena al campanìl che'l ribàt le óre
  • E' appena il campanile che batte le ore
  • Equivalente di "Paganini non ripete"
  • L'è 'l mestér del Michelàs mangià, biì e nà a spàs
  • E' il mestiere del Michelaccio mangiare, bere ed andare a spasso
  • L'è mèi piegàs che scàesas
  • E' meglio piegarsi che rompersi
  • La bòca l'è mìa stràca se la sà mìa de àca
  • La bocca non è stanca finché non sa di vacca
  • Il pasto si conclude col formaggio (equivalente di "dulcis in fundo")
  • La césa l'è grànda, ma i sancc i è poc!
  • La chiesa è grande, ma i santi sono pochi
  • La ghè fümada
  • Gli è andata in fumo
  • Ha perso la pazienza
  • Laurà per la cèsa de Àder
  • Lavorare per la chiesa di Adro
  • Lavorare gratis
  • L'è saldo men maa on usell in sacchella che né cent in l'airo.
  • L'erba medegada la fa bòna la brusada.
  • L'estaa de Sòn Martin al dura trii dì e on ciccin.
  • L'é fò come l'Òi
  • E' fuori come l'Oglio
  • E' arrabbiatissimo
  • L'invidà l'è creanza, e el taccà (el zettà) l'è petulanza.
  • Loj, la tera la boj.
  • La legora senza corr la se ciappa tutt i or .
  • La lepre senza correre si prende a tutte le ore .
  • Se si ha pazienza prima o poi la propria preda sarà catturata senza fatica.
  • La bocca l'è minga stracca se la sa nò de vacca .
  • La bocca non è mai stanca se non sa di vacca .
  • Non si è mai sazi e stanchi di mangiare e non si concludono mai i pasti se non con un po' di   formaggio   (latte di vacca).
  • L'oeugg el voeur la soa part.
  • Loeuva ben vestida, inverno fregg e marsciottent.
  • La bóca l'è mia straca se la sènt mia de aca.
  • La bocca non è sazia se non sa di vacca
  • Non si è sazi, se non si è concluso il pasto con del formaggio.
  • La gà mia cólpa la gàta se la padrùna l'è màta.
  • Non ha colpe un animale (figlio) se il padrone (genitore) è matto.
  • L'esperiènsa l'è la mader de la sciènsa
  • L'esperienza è la madre della scienza.
  • L'è mèi ün asen vif che ü dutùr mórt.
  • È meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • L'è mèi ü rat in bóca al gat, che ün òm in mà a ün aocàt.
  • È meglio un   topo   in   bocca   ad un   gatto , che un uomo in mano ad un   avvocato .
  • La crùss col pà, l'è mèi portà.
  • La croce con il pane è meglio portare.
  • La fónna che té paghet de meno l'è chèla che té paghet söbet.
  • La donna che ti costa meno nella vita è quella che paghi subito.
  • L'è méi 'èndela che tèndela.
  • È meglio venderla che darle retta.
  • L'è grant pò ol campanil ma i ghe pissa töcc adòss.
  • È alto anche il   campanile   ma ci urinano addosso tutti.
  • Murusa del cümü, spuza de nisü.
  • Morosa di tutti, sposa di nessuno.
  • Murùsa stantìda, famèa falìda.
  • Fidanzamento lungo, famiglia fallita.
  • Mèi èndela che tróàla.
  • Meglio venderla che trovarla .
  • Detto di colei o affare che può portare guai.
  • Magg l'è on gran bell mes: fior, magioster e scires.
  • Magg succ gran per tucc.
  • Marz, l'è fioeu d'una baltròcca: ò piòv, ò tira vent, ò fiòcca.
  • Mej minestra rara che polt spessa. Màl che'l se öl, nol döl
  • Male che si vuole non duole
  • Majà pòc e majà mal per stà delòns de l'ospedàl
  • Mangiare poco e male per star lontani dall'ospedale
  • Con "mangiar male" si intende mangiare cibi non troppo elaborati
  • Mangià màr e spudà dòls
  • Mangiare amaro e sputare dolce
  • Inghiottire le offese senza far nulla
  • Maia Signùr e càga Diaòi
  • Mangiare il Signore e cagare i Diavoli
  • Fare la comunione, ma non comportarsi coerentemente
  • Magnà magnòccom, l'è a lavorà che barbòttom.
  • Mai fidass d'un scalin rutt, dela cua del can e de chi va in gesa tucc i duman
  • Mèi ès ü gré de pièr che ü fic de àzen.
  • È meglio essere un grano di pepe che essere una cacca di   asino .
  • Mèi ol vì colt che l'acqua frègia.
  • Meglio il vino caldo che l'acqua fredda.
  • Mèi s-ciòpa pànsa che ròba che ànsa.
  • Meglio abbuffarsi che avanzare roba.
  • Maià l' maiòca, l'è a laurà che l' borbòta.
  • Per mangiare mangia, è a lavorare che si lamenta.
  • Mè crèt a metà de chèl che s'vèt e a negót de chèl che s'sènt
  • Bisogna credere a metà di quello che si vede e a niente di quello che si sente
  • Mia lonc chel toche, mia gros che l'istope ma dür chel düre
  • Non lungo che tocchi, non grosso che tappi ma duro che duri
  • Con riferimento alle caratteristiche del membro maschile.
  • Michèl àl pórta la merènda'n ciél.
  • "S. Michele porta la merenda in cielo. /Detto di chi ha una grande generosità/
  • Nedàl ü pass de gàll, Pasquèta ün urèta, Sant'Antóne ün'ura gròsa.
  • A Natale le giornate si allungano di un poco, a Pasquetta di quasi un'ora e a Sant'Antonio (da Padova) più di un'ora.
  • Negòzzi squajaa l'è mezz sassinaa.
  • Nòs de me missee, moron de me pader, e vit de mì.
  • Nigol ros la sera tösò la ranza e a séga nigol ros la domà ciapa al gabà e tegnel a mà
  • Nube rossa alla sera, piglia la falce e va a falciare nube rossa al mattino, piglia il mantello e tienilo a mano
  • November   l'è Cain: ò se paga 'l fitt ò se fa Sòn Martin.
  • Nò iè proerbe, se nò iè proàcc
  • Non sono proverbi, se non sono provati
  • No el tìra piö né cópe né bastù
  • Non tira più né coppe né bastoni
  • Na pisada senza 'n pet, l'è me la dòna senza i tèt.
  • Nas che pissa 'n bóca, guai a chi la tóca.
  • Naso che piscia in bocca   [ossia ha naso aquilino]   guai a chi lo tocca   [ovvero:   ha un carattere irascibile .]
  • ' Ndóe a l' suna i campane gh'è bèc e pütane.
  • Dove suonano le   campane   ci sono becchi e puttane .
  • In tutti i paesi ci sono cornuti e prostitute.
  • Ògne ü 'ncà sò al fà chèl'chèl'ghé'nnà òia.
  • Ognuno, casa sua, fa quel che gli pare.
  • Oia de fà saltèm adoss, che ma sa sposté.
  • Voglia di fare saltami addosso, che mi sposto.
  • Ol basì l'è l' prim scalì.
  • Il bacino è il primo scalino.
  • Ól tròpp bo tépp a li schìsa l'oss dèl còll.
  • Il troppo buon tempo schiaccia l'osso del collo.
  • Ò gent ò argent.
  • Ògni boscon el gh'ha el sò oreggion.
  • Ògni fil d'erba al gh'ha la sua rusada.
  • Ol Signur l'è andà in ciel, i remedi j'ha lassaa in terra.
  • Ogni mórt de Èscof
  • Ogni morte di Vescovo
  • Una cosa che accade raramente
  • Ombrèll, dònn e orelòcc spazza sacòcc.
  • Ona ròbba se l'ha de vèss assee n'ha de vanzà. (Una cosa per essere abbastanza deve avanzare)
  • On bosch liga l'alter.
  • Ól vì bù l'è'l bastù di ècc.
  • Il buon vino è il bastone dei vecchi.
  • Ol Signùr l'ha perdunàt ól ladrù ma mìa spiù.
  • Gesù ha perdonato in croce il ladrone ma non Giuda .
  • cagà o lasà liber al büs.
  • Come a dire : "Agisci o togliti di mezzo".
  • Quando, nei tempi passati, il watercloset era un semplice buco in cortile, la disponibilità di quest'ultimo era, evidentemente, prioritaria.
  • Per amùr o per mangià i se'ntent töcc i sàncc.
  • Per amore o per mangiare si capiscono tutti.
  • Per fà öna crus g'à öl du lègn, ü piö lóngh e ü piö pissèn.
  • Per fare una croce ci vogliono due legni, uno più lungo e uno più corto.
  • Pò ü pàl l'è bèl éstìt de cardinàl.
  • Anche un palo è bello vestito da cardinale .
  • Pulènta frègia, strachì che spössa l'è la baüssa di milanéss.
  • Polenta fredda e   stracchino   puzzolente ingolosiscono i milanesi.
  • Parlee men de quell che savii, mostrii men da quell ca gh'hii.
  • Paròla tasuda l'è mai scrivuda.
  • Per scampà on pezz ghe voeur bon zòccor, bon bròccol, bon capell e pòcch cervell.
  • Per Sòn Benedett, la rondina sotta al tecc.
  • Préicc, monaghe e frà
    cavài da capél e poi lagài nà
  • Preti, monache e frati levarsi il cappello e poi lasciarli andare
  • Bisogna essere rispettosi con il clero, ma stare attenti a non farsi irretire.
  • Pifania, toeucc i fest ja mena via.
  • Pòlta e cagnon, ris in preson.
  • Pril, prilett, on dì còld, on dì fregg.
  • Prima de fà on amis mangia insemma on carr de ris.
  • Pu che viv e morì nò se poeù fa. (Più che vivere e morire non si può fare)
  • Puttòst che ròbba vanza, crepa panza!
  • Précc e frà, caàs el capel e lassai 'ndà.
  • Preti e   frati , togliersi il cappello e lasciarli andare per la loro strada.
  • Prìma o dopo i rìa töcc söl bachetù.
  • Prima o poi tutti prendono una bastonata.
  • "Pòta!" a l' diss i fracc quanc i sa scòta.
  • "Pota!" lo dicono i frati quando si scottano.
  • Pöta de ostér, caala de malghéss, aca de urtulana, porca de mulenér, lassàghele a chi gh'i a.
  • Ragazza da   osteria ,   cavalla   da malghese, mucca da ortolana,   porca   del   mugnaio , lasciarle ai loro padroni.
  • Per capí capésse, l'é a laorà che patésse.
  • Per capire capisco, è a lavorare che patisco.
  • Puchì al fa diertì
  • Piccolo fa divertire
  • Riferito al membro maschile.
  • Quando l'Albensa l' g'à ol capel, ol piöf o l' fà bel.
  • Quando l'Albenza ha il cappello, o piove o bel tempo.
  • Quando ol (Linsù) Resegù a l' gh'à sö l' capèl, mèt zó la ranza e ciapà 'n di mà ol restèl.
  • Quando il (Linzone) Resegone ha il cappello, lascia da parte la falce e afferra il rastrello.
  • Quando i nass i è töi bèi, quando i se spûza i è töi sciòrr, quando i mör i è töi bràe.
  • Quando si nasce si è tutti belli, quando ci si sposa si è tutti ricchi, quando si muore si è tutti bravi.
  • Quando i rùndene i ula bass se te sét sènsa ombrèla slonga l' pass.
  • Quando le rondini volano basso (rasoterra), se sei senza ombrello, accelera il passo.
  • Quand al Corniscioeu al gh'ha 'l cappell, ò 'l fa brutt ò 'l fa bell.
  • Quand el ciel l'è faa a pan gh'emm l'acqua incoeu ò doman.
  • Quand el marì el va a fà terra la dònna la ven bella.
  • Quant i materocc e le sguisete i se sbàsa e i se met a rusulì l'è segn che la nef la öl vignì
  • Quando le passere selvatiche e le pispolette si abbassano e si mettono a gruppi
    è segno che vuol nevicare.
  • Quand el sò el tramonta la massera la s'imponcia (s'emponta).
  • Quanche le fònne le ciapa mìa al menàcol le se tàca al tabèrnacol
  • Quando le donne rimangono insoddisfatte sessualmente si dedicano ad affari religiosi
  • Quand sè diènta ècc càla le àrie e crès i difecc
  • Quando si diventa vecchi calano le arie e crescono i difetti
  • Quand la montagna la gh'ha ligaa su el coo prest gh'emm l'acqua ai pee.
  • Quand el Mont al gh'ha su 'l cappell, mett via la ranza, toeu scià el restell. (Quando il monte ha sul cappello, metti via la ranza, prendi il restello)
  • Quand pioeuv in agost bagna el bosch .
  • Quando piove in agosto bagna il bosco .
  • Quando la löna la fa la curuna, ol bèl tép ol me abanduna.
  • Quando la luna fa la corona, il bel tempo ci abbandona.
  • Quando l'om l'è sóta tèra, la dòna la se fa bèla.
  • Quando l'uomo è morto, la donna si fa bella.
  • Quando'l'piöff de la montàgna s'ciàpa la sàpa e s'và'n'campagna.
  • Quando la pioggia arriva dalla montagna (dalle Orobie alla città di Bergamo) è passeggera.
  • Quando l' truna i lömaghe i se muntuna.
  • Quando tuona, le lumache si ammucchiano.
  • Quando l' canta l' gal fò de ura, se l' gh'è ciàr a l' se sniùla.
  • Quando il gallo canta fuori orario, se c'è sereno si rannuvola.
  • Quando l'cül al tìra la bràga l'è úra de petàga.
  • "Quando (la donna) indossa abiti stretti vuole essere corteggiata".
  • Quando l'acua la fà i balù, gh'à de 'ègnen amò 'n vagù.
  • Quando piovendo si formano bolle nelle pozzanghere pioverà ancora a lungo.
  • Quando l'sùl al tramonta la ègia la spónta.
  • "Quando non c'è più tempo i tiratardi cominciano a lavorare."
  • Quando l' taca a 'gnì ol pil grisì, lassa la fónna e taches al vi.
  • Quando inizia a diventare il pelo grigio, lascia la donna e attaccati al vino.
  • Róss de sera bèl tép se spéra, róss de matina l'acua l'è 'isina.
  • Rosso di sera bel   tempo   si spera, rosso di mattina brutto tempo si avvicina.
  • Rar in camp e spess in del caldar.
  • Ròbba de stola, ròbba de gola.
  • Ràsa bergamasca, sòta la sender brasca.
  • La razza bergamasca, arde sotto la cenere (sembra fredda da fuori, ma nasconde un grande cuore)
  • Scùa nöa, scùa bé.
  • Scopa nuova, scopa bene .
  • Sé ègné mia ègne gnècc, se ègne gnècc ègne gnàcc, se so mia gnècc ègne mèj, alùra l'è mèj che ègne mia gnècc.
  • Se non vengo mi arrabbio, se mi arrabbio non vengo, se non mi arrabbio vengo meglio, allora è meglio che non mi arrabbio.
  • Spìör de nas, nutisie en viàs.
  • Prurito di naso, notizie in viaggio.
  • S'el pioeuv ol dì de l'Ascenza, per quaranta dì semm minga senza.
  • Se al trii de marz gh'è acqua, nev ò vent, per tòtt ol mes al dura 'sto torment.
  • Se al trii da marz gh'è vent par quaranta dì ol se sent.
  • Sa 'l pioeu a   Pasqua   g'avarem püsseé üga che frasca.
  • Se piove a Pasqua, avremo più uva che foglie.
  • San Biàs ga gèra a guta sòta ul nas.
  • A San Biagio gela la goccia sotto il naso.
  • San Giuàn fa minga ingàn.
  • San Giovanni non fa inganni.
  • San Sebastiàn, frégiu da can.
  • San Sebastiano, freddo da cani.
  • Santa Lüzìa, l'è ul dì püssé cürtu ca ga sia.
  • Santa Lucia, è il giorno più corto che ci sia.
  • Se fa bell la festa de San Gall el fa bell finna a Natal.
  • Se i oliv grappissen in masg, prepara el campasg, se grappissen in giugn, prepara el pugn.
  • Se nò l'è loff el sarà can.
  • Santicòl paìs de la sfortüna, l'inverno sensa sùl e l'istàt sensa lüna
  • Santicolo paese della sfortuna,d'inverno senza sole e in estate senza luna
  • Se pioeuv per San Giovann el succ el fà pocch dann.
  • Se ta gh'heet un sciocchett, tegnal lì per marzett.
  • Se te voeu che la messizia se mantegna ona man vaga e l'altra tegna.
  • S'el pioeuv a San March o a San Grigoeu l'uga la va tutta in cavrioeu.
  • Settember al dovaria vessegh semper.
  • Sant'Antone dala Barba Bianca fém troà che'l che me mànca
  • Sant'Antonio dalla barba bianca fatemi trovare quello che mi manca
  • Sònta Martina la trò giò gròn farina.
  • Sant'Anna la vòr on mòrt ne la fontana. (Sant'Anna vuole un morto alla fontana).
  • S'ol barbiss al va in guerra la soa cà l'è bele che atterraa.
  • Se té stantàet ü dé a nas, té nassìet co la cua.
  • Se aspettavi ancora un giorno prima di nascere, saresti nato con la coda.
  • Modo di dire per dare dell'asino a qualcuno
  • Se te öret giüdicà bé, mètet sèmper nei so pé
  • Se vuoi giudicare bene, mettiti nei suoi piedi   (ovvero panni)
  • Sentài zò se'n'ciàpa piö de ràcc.
  • A star seduti non si prendono topi (non si conclude nulla).
  • Signùr di poarècc chel dì sciòrr i è amò'n'lècc.
  • Signore dei poveretti, quello dei ricchi è ancora a letto.
  • Solcc e ròba i scont bé la gòba.
  • Soldi e roba nascondono bene la gobba.
  • Solcc e pecàcc l'è mal giüdicà.
  • Su soldi e peccati si giudica male.
  • Söche e melù a la sò stagiù.
  • Zucche e meloni alla loro stagioni   ossia   c'è un tempo per ogni cosa.
  • Sich sach de sòch sèch, i è car ach a cà
  • Cinque sacchi di legna secca, sono cari anche a casa.
  • S'gh'à de crèd metà de chèl che s'vèd e negót de chèl che s'sènt
  • Bisogna credere a metà di ciò che si vede e a niente di ciò che si sente.
  • Sul aböcc aböcc acqua sòta ai öcc
  • Sole che va e che viene porta pioggia.
  • Súra glòria, sóta misericòrdia.
  • "A ricchezza ostentata si nasconde miseria."
  • Tàcé có, tàte cràpe; tàcé cüi, al döpe i ciàpe.
  • Tante teste, idee diverse; tanti culi, chiappe diverse.
  • Té sé compagn del Michelàss: a l' màia, a l' biv e l' va a spass.
  • Sei come il Michelasso   (o   Michelaccio ) : mangia, beve e vai a spasso.
  • Te manca trènta a andà a trentü.
  • Ti manca trenta ad arrivare a trentuno.
  • ' Dicesi di persona quasi completamente priva di cervello'.
  • Té fét la vida del bel campà: màia, a l' biv e l' fa menà.
  • Fai la vita del bel campare: mangiare, bere e farlo menare (masturbarsi).
  • ' Dicesi a persone pigre'.
  • Tale qual se ara, se arpega.
  • Tri dònn e ona gaina fann mercaa tutta mattina. (Tre donne e una gallina fanno mercato tutta mattina).
  • Tancc i sa tancc nigù i sa tucc
  • Tanti sanno tanto nessuno sa tutto
  • Tucc i bindù gà le sò devosiù
  • Tutti i lazzaroni hanno i loro santi protettori
  • Cumudàla sa de sùra de Bré
  • Sisemarla al di sopra di Breno'
  • Si dice in alta valle quando si risolvono le questioni senza appellarsi al tribunale locale
  • Tre còss impossibel: fà tasè i dònn, fà corr i vegg, fà stà fòrt i bagaj.
  • Tan cò, tan züchi.
  • Tante teste, tante zucche.
  • Tre dònn, marcà da Saròn.
  • Tre donne, fanno il mercato di Saronno.
  • Tutt i cà hinn faa da sass, ognuna ha 'l sò fracass.
  • Tépp e sólcc i sistéma töt.
  • Tempo e soldi sistemano tutto .
  • Tri dòne in d'öna cà i va decórde quando öna comànda, ün'otra l'è mórta e la tèrsa l'è pitüràda söla pórta.
  • Tre donne, in una casa, vanno d'accordo quando una comanda, un'altra è morta e la terza è pitturata sulla porta.
  • Té che té Tàkèt i Tàk, tàchèm a mé i mé tàcc. Mè teccàt i tàcc a tè? taccèti tè i tò tàk, tè che te tàkèt i tàk
  • Te che attacchi i tacchi, attami i miei tacchi. Io attaccarti i tacchi? attaccali te i tuoi tacchi, te che attacchi i tacchi ó
  • Utuber te se bell, se l'è fen l'è in cassina e'l vin in del vassell. (Ottobre sei bello, se il fieno è nella cascina e il vino nel fiaschetto)
  • Val püsseé un andà che cént andem
  • Vale di più un andare che cento andiamo
  • Vià'l gàtt bàla ol ràtt.
  • Via il gatto balla il topo .
  • Viva la figa e chi la spisiga.
  • Viva la vagina e chi la pizzica.'
  • Viva la brogna e chi la spalpogna.
  • Viva la prugna (vagina) e chi la palpa.'
  • Viva la vagia e chi la masagia.
  • Viva la vagina e chi la massaggia.'
  • Vendembia temporida de spess la va fallida.
  • Vòst tal e qual el troeuva el loeuva.
  • Val pussè on "andà" che cent "andemm".
  • Zucch e dònn brutt ghe n'è da par tutt. (Di zucche e donne brutte ce n'è per tutti).
  • Zucch e melon à la sua stagion.
  • Zó de vài, só de dòs, nó ssè mài a Lóh.
  • Giù per le valli, su per i dossi, non s'arriva mai a Lozio.