prover

I Proverbi Regionali

Proverbi PugliesiRegione Puglia

  • A ci fatìa na sarda, a ci nu fatìa una e menza.
  • A chi lavora una sarda, a chi non lavora una e mezza.
  • A cavàdde gastemàte nge lusce u pile.
  • Al   cavallo   bestemmiato brilla il pelo.   (Cioè, spesso il disprezzo è dettato dall'invidia)
  • A chiang', alla chjes.
  • Se vuoi piangere, fallo in chiesa (Cioè, non lamentarti).
  • A Sciacquè la cap o' ciucc' s perde u timb e u sapaum.
  • A lavare la testa al somaro si perde   tempo   e sapone.
  • Affùnne bbuène la zzappe a la vìggne e llìive la malèrve e la gramìggne.
  • Affonda bene la zappa nella vigna e togli l'erbaccia e la gramigna.
  • A ce mor chi fongj fess ciuh chieng.
  • A chi muore mangiando funghi scemo chi lo piange.
  • Ce fabbric e ce maréit na j pass maé u' prüréit.
  • Chi costruisce e chi sposa non smette mai di pagare.
  • Ce ricche te uè fà va n-gambbàgne e mmìttete ad arà.
  • Se ricco ti vuoi fare, va' in campagna e mettiti ad arare.
  • Ce scord pan e capp, mal sort 'ngapp.
  • Chi dimentica il pane e il cappotto, becca solo malanni.
  • Chi vo mal a sta cas a va morì prima ca trass
  • Chi vuole male a questa casa deve morire prima di entrare
  • Chi pèggre se fasce, u lupe se la mange.
  • Chi pecora si fa, il lupo se la mangia.
  • Citt citt 'mmenz a la chiazz.
  • Zitto zitto in mezzo alla piazza (meglio non spifferare notizie in giro).
  • Ci u sule te settembre è sanu, rrizza puru li munti.
  • Se il sole di settembre è sano, fa arricciare anche le   pietre .
  • Ci u ciucciu nun bole bbive, è inutile ca fischi.
  • Se l'asino non vuole bere, è inutile chiamarlo.
  • Ci camina llicca, ci resta a casa sicca.
  • Chi va in giro raccoglie sempre qualcosa, chi non si muove no.
  • Chi nasc pummarol adda murì cunzerv.
  • Chi nasce pomodore deve morire conserva (chi nasce povero morirà povero)
  • Coji l'acqua quannu chiove.
  • Raccogli l'acqua quando piove. Ovvero, fai le cose per tempo.
  • Cumu spinni, mange.
  • Come spendi, mangi.
  • Decève l'èlefande: "Ogne e ppìcche ggiòve", e se gnettève na mòsque.
  • Diceva l'elefante: "Ogni poco giova", e ingoiava una mosca.
  • E castignate su comu e foje: ci le mina se le ccoje.
  • Le maledizioni sono come le foglie: chi le getta le raccoglie.
  • Fatica fatica, e alla sira pane e cipuddha.
  • Lavora e lavora, e poi per cena pane e cipolla.
  • Famme pòvere ca te fazze ricche.
  • Fammi povera e ti farò ricco.   (Cioè, la vite va potata con decisione) .
  • La ciair s' stroush e la processiam nan camoin.
  • La cera si consuma e la processione non cammina.
  • La lacèrte disse: "Tutte u munne iè chiappe".
  • La lucertola disse: "Tutto il mondo è capestro".   (Cioè, la vita è piena di trappole) .
  • L'ucch d' patrom 'ngrass u cavadd.
  • L'occhio del padrone ingrassa il cavallo.   (Cioè, sorvegliare i propri affari aumenta i profitti) .
  • La proprietà è cisterna, l'arte è puzzu.
  • La proprietà è cisterna, l'arte è pozzo.
  • La muert du pulp iè la c'podd.
  • La morte del polpo è la cipolla.
  • Mat'a cchèdda tèrre ca non vède u patrùne.
  • Male a quella terra che viene trascurata dal padrone.
  • Mmara allu mortu ca nunn'è chiantu all'ura.
  • Povero quel morto che non è pianto in tempo.
  • La cap nan serv' askitt a spart l' recchiè!
  • La testa non serve solo a separare le orecchie!
  • Nesciune nasce ambaràte.
  • Nessuno nasce istruito
  • Oggne e bbène da la tèrre vène.
  • Ogni bene dalla terra viene.
  • O puèrche dange le fràuele e le scètte, dange le gghiànde e se le mange.
  • Al maiale dagli le fragole e le getta via, dagli le ghiande e se le mangia.
  • Ogne petra azza parite.
  • Ogni pietra eleva il muro.
  • Pane e p'm'dor mett sagn' e ch'lor.
  • Pane e pomodoro mette sangue e colore.
  • Pure le pùdece tènene la tosse.
  • Anche le pulci hanno la tosse.
  • Quannu rriva l'ua e la fica, lu malune va sse 'mpica.
  • Quando sono maturi uva e fichi, non è più stagione delle angurie.
  • Quànne l'auuì fiorìsce ad abbrìle le cuègghie a varrìle.
  • Quando l'ulivo fiorisce in aprile, le olive si raccolgono a barili.
  • Quànne Marz vole t' foc arrost l'ouve, Quànne Marz 'ngrugn t' foc arrost l'ugn.
  • Quando Marzo vuole ti fa cuocere le uova, quando marzo s'irrigidisce ti fa cuocere le unghie. (si riferisce al colore che assumono le unghie con il freddo)
  • Quànne se zzappe e qquànne se pute fore parìinde e ffore nepùte.
  • Quando si zappa e quando si pota, fuori i parenti e fuori i nipoti.   (Cioè, bisogna allontanare le distrazioni) .
  • Quànne u vove non vole arà, tutte le sscìue nge pàrne stèrte.
  • Quando il   bue   non vuole arare tutti i gioghi gli sembrano scomodi.
  • Quànne vène u chezzàle de fore, dange a manggià ca tanne more.
  • Quando il contadino torna a casa, dagli da mangiare tanto da farlo scoppiare.
  • Quan'? Eh, quan' u ciuc sciev cacann. E Daniel c'a cucchiarell allicc allic che s p bell.
  • Quando? quando il ciuccio andava in bagno, e Daniela con il cucchiaio leccava che era buona.
  • Sta faci rretu pe rretu comu li zzucari.
  • Stai indietreggiando come i cordai. (che intrecciando la corda indietreggiavano).
  • Steip ca Trouv.
  • Conserva che Troverai.
  • Sunatur e ammazza vucill restn' puvrill.
  • Suonatori e cacciatori restano poveri.
  • ' Sputa ca n'coddrha.
  • Tira chiui lu pilu ca lu 'nsartu.
  • Tira più il pelo (la donna) che la corda
  • Te lu jabbu nu 'nci mori ma 'nci cappi.
  • A prendere in giro o giudicare non muori, ma prima o poi ti verrá reso.
  • U bov ca disc ch'rnut o ciucc.
  • Il bue che dice cornuto all'asino (versione contadina di "Da che pulpito vien la predica").
  • U uàrrue d'auuì cìnghe cose vole: larghe, pète, remmàte, accètte e ssole.
  • L'albero d'ulivo pretende cinque cose: largo, pietra,   letame , ascia e sole.
  • Ve truenn tutt i zappod a na mon.
  • Provare tutte le zappe con una mano. (cioè, Cercare il modo migliore per fare qualcosa che non si ha voglia di fare).
  • Vutt u' ciucc' andò vole u' patrom.
  • L'asino va dove vuole il padrone.